Non è francesca, significato

di Lucio Battisti
Significato della canzone Non è francesca di Lucio Battisti
  • Interventi 1 / Visualizzazioni 113

Significato più votato

Non è Francesca è stata interpretata da Battisti nel 1969, dopo essere stata proposta a vari cantanti ed eseguita dal gruppo beat I balordi.
Se volete approfondire questa prima parte della storia di Non è Francesca, qui trovate molte informazioni.

La canzone racconta del tradimento da parte di Francesca e di un uomo, il fidanzato o marito, che non vuole accettare la realtà dei fatti e perciò il testo è un susseguirsi di tentativi di negare l'accaduto, nella speranza che sia tutto un malinteso.

Vi riporto qui sotto una bellissima (e molto divertente) interpretazione che ho trovato navigando.
Nella sua ironia secondo me inquadra bene il discrimine tra l'immagine di Francesca agli occhi del suo innamorato e la sua reale essenza. Un discrimine che secondo me, più che raccontarci com'era questa donna, ce la dice lunga sugli occhi di chi la guarda.

"Chissà se Mogol e Battisti conoscevano il significato del nome Francesca, che non viene propriamente dai francesi bensì dai loro progenitori, i franchi, ovvero gli uomini liberi. Quindi Francesca sarebbe la donna libera. Proprio quello che a Mogol non andava giù. Nella classica e bellissima canzone di Lucio Battisti, uscita nel gennaio 1969) ci sono due creature: Francesca, donna casta e senza grilli per la testa e Nonèfrancesca, donna spudorata perché libera.
La prima è la classica donna italiana di fine degli anni sessanta, una tizia di scarsa intelligenza e dinamismo, che ha dimenticato di aver studiato e, priva di ambizioni ed interessi, passa il tempo a casa in attesa che dalle giungle cittadine emerga, sulla sua cinquecento bianca, la sua unica ragione di vita, il marito (all’epoca i conviventi non esistevano e i compagni erano quelli della sezione del PCI). La seconda è una misteriosa creatura, ingannevole e falsa, che è uscita dal nulla, lo specchio della perfidia delle donne, capricciose e capaci di tutto, perfino di innamorarsi di un altro.
I versi della canzone incuriosiscono: qual è la vera natura di Francesca? Mogol non ci spiega molto bene cosa faccia Francesca tutto il giorno a casa. Non che lo debba fare, ovviamente, altrimenti invece di un piccolo capolavoro della disperazione maschile, la canzone sarebbe stato un articolo di Confidenze. Francesca non lava, non cucina, non ripara i calzini. Non ha figli. Con un sottile verso che dice e non dice, il tandem canoro degli amori impossibili afferma che Francesca non ha mai chiesto nient’altro che restare a casa ad aspettare. Qualche maligno (tra cui non c’è ovviamente il vostro recensore) potrebbe sospettare che si tratti di una mantenuta che nel suo pied-a-terre nel centro di Milano aspetta il ricco industriale brianzolo che arriverà a bordo di una Giulietta sprint, invece che su una Bianchina.
L’unica certezza è che Francesca si annoia. La Franceschina precisina e un po’ ritardata qualche farfalla per la testa ce l’ha. D’accordo che non chiede niente di più, però andare in giro vestita di rosso ha un certo significato. E’ un sintomo di modernità, di intraprendenza e anche di personalità. Il rosso è un colore che accende. Francesca sa che effetto può produrre una giovane donna dai biondi capelli a passeggio per il centro con un vestito rosso. La immaginiamo che osi uscire in minigonna e stivali. Francesca si è stancata di fare la vita della reclusa. Forse sente che qualcosa nell’immobile Italia sta cambiando. Sarà il boom economico, sarà che il ‘68 è ancora caldo nelle piazze e nelle scuole, ma Francesca fa qualcosa di peggio. Vuole dire sfacciatamente a tutti, per strada, che si è stufata di Lucio.

Se avesse solo voluto divertirsi, sarebbe andata, con il suo amante, in un motel di periferia, e continuare con l’ipocrisia. Invece si fa vedere abbracciata con un altro per strada, per lanciare un messaggio di sfida, si trasforma in Nonèfrancesca. Ma non esageriamo. Non c’è motivo di dubitare di Francesca, che vive per Lucio. E’ tutta colpa, invece, dell’amico spia di Lucio, cecato e pure daltonico".
Fonte.
Immagine dell'utente ingiz | 211 Punti
1 reazione a questo significato

Quale è per te il significato di questa canzone?

Se ti registri verrai aggiornato automaticamente sullo stato della pagina.

Testo

Nessuno ha ancora inserito il testo
Ci sono errori?

Le più visualizzate di Lucio Battisti

Lucio Battisti, immagine
Le altre di Lucio Battisti