Significato 4 marzo 1943

di Lucio Dalla
Significato della canzone 4 marzo 1943 di Lucio Dalla
  • Richiesto da Bianca Maria
  • Interventi 5 / Visualizzazioni 670 / Annotazioni 4

Significato più votato

4 marzo 1943 di Lucio Dalla: gli effetti della censura sul significato di un testo.

Questo capolavoro di Dalla, scritto da Paola Pallottino, è conosciuto in tre versioni: l'originale, la censurata e quella diffusa attraverso il tour Banana Republic con De Gregori e Ron quale tecnico del suono. Il brano sarà poi inciso nuovamente nell'omonimo album.

Il titolo inizialmente doveva essere Gesùbambino, tutto attaccato.

Ma era il 1971 e la censura in Italia purtroppo era ben più efficace che nel 2017, tant'è che oggi abbiamo una Levante che può cantare Gesù Cristo sono io senza dover preoccuparsi troppo.

Pur di partecipare a Sanremo in coppia con la Nuova Equipe 84, Dalla accettò di apportare le modifiche al titolo di questa straordinaria ballata, che da allora si chiama 4/3/1943. Una scelta che mai convinse la Pallottino, così come mai la convinse la partecipazione a Sanremo e molte modifiche apportate negli anni seguenti allo stile del brano (fonte: (fonte: https://www.avvenire.it/agora/pagine/pallottino)

Si tratta della data di nascita reale del cantante bolognese. Come dichiara la stessa Pallottino con cui, grazie a questo brano si sancisce l'inizio di una felice collaborazione, si tratta di una sorta di tentativo di riscriverne poeticamente i natali:

«Voleva essere un mio ideale risarcimento a Lucio per essere stato orfano dall’età di 7 anni. Doveva essere una canzone sull’assenza del padre, ma poi è diventata una canzone sull’assenza della madre. Lucio la cantò la prima volta dal vivo nel dicembre del ’70 al teatro Duse di Bologna. Piacque così tanto che i discografici della Rca decisero di portarla a Sanremo. Fu il suo primo grande successo, ma Lucio ne rimase anche un po’ prigioniero. Così negli anni l’ha riproposta in varie versioni, facendole però un po’ perdere quel fascino iniziale che le era conferito anche dal violino di Renzo Fontanella (membro del gruppo di Dalla, Gli Idoli, ndr). Quella che uscì allora in 45 giri ricordo che era la settima versione registrata in sala d’incisione, mentre invece secondo me era migliore la prima. Ma comunque non fu quello il nostro miglior pezzo, su cui Lucio raccontò suggestivamente che nacque alle isole Tremiti anziché a Bologna»
(fonte: https://www.avvenire.it/agora/pagine/pallottino).

Interessanti le riflessioni contenute qui, perchè mettono in evidenza gli effetti della censura sul significato del testo complessivo. Nella sostituzione del titolo, abbiamo infatti una virata dal generale - oserei universale - Gesùbambino, al ben più personale e autobiografico 4 marzo 1943, che sancisce in fondo la nascita di un solo uomo, non di tutti. Certo, attraverso un processo di immedesimazione è possibile dall’esperienza autobiografica spostarsi sul piano dell’ontogenesi, tuttavia credo che a primo impatto si possa registrare un primo grosso cambiamento rispetto alle volontà dell’autrice. In secondo luogo è stato notato che

Il fatto di aver voluto censurare i versi "incriminati" ha eliminato una forte connotazione proletaria, oseremmo definire pasoliniana, legata all'ambiente povero, diseredato, problematico ma anche di vera e genuina umanità che l'autrice aveva saputo tratteggiare con le sue parole.

Anche questo secondo aspetto mi vede d’accordo. In particolare, credo che su vari fronti si sia voluto da un lato, allontanare l’immagine di Gesù dalla strada e dalla povera gente, cosa che come è stata notata figura invece proprio come un errore storico.

Temi forti quali la guerra, la vita da orfani, le derive della povertà per strada, la brevità della vita e che, accanto alla parola Gesùbambino posta a titolo, cioè a cappello di tutte queste modalità d’esistenza, poteva portare in superficie un fortissimo contrasto (e la capacità di contenerlo come un ossimoro all’interno del verso poetico), ora slitta sul piano più personale (e perciò per me meno intenso) di un cantastorie che ci racconta di un uomo, come di un altro.

E tutto questo pur rimanendo un capolavoro.

Immagine dell'utente ingiz ingiz 430 Punti
2 persone trovano utile questo significato
  • Quale è per te il significato di questa canzone?
    Come inserire immagini e formattare il testo
    Se ti registri verrai aggiornato automaticamente sullo stato della pagina.
    Testo
    Per annotare clicca e trascina sul testo
    Ci sono errori?

    Le più visualizzate di Lucio Dalla

    Immagine testo significato Cara
    Immagine testo significato Anna e Marco
    Immagine testo significato Futura
    Le altre di Lucio Dalla

    Utenti online in questo momento: 32

    Significato Canzone, allo stesso modo di Wikipedia, è costruito attraverso il libero contributo delle persone che possono chiedere il significato delle canzoni, esprimere il proprio punto di vista sull'interpretazione del testo ed annotare i singoli versi delle canzoni.

    L'intervento può essere fatta anche in forma anonima in modo da potersi esprimere liberamente senza imbarazzi se il tema risulta delicato o se semplicemente non ci si vuole registrare. Le volgarità non necessarie saranno invece rimosse.

    Per chi invece ha intenzione di chiedere il significato di una canzone e/o ha piacere di giocare o di tenere traccia dei propri interventi sono disponibili delle pagine profilo personali e anche delle classifiche che mostrano gli utenti più attivi.

    Ogni consiglio o idea per migliorare è bene accetto.

    Verranno rimosse volgarità non necessarie e se segnalati verranno corretti gli errori o elementi offensivi.

    Per comunicare per il momento è possibile utilizzare Facebook o la pagina di aiuto e delle domande frequenti.