Aquila, significato

di Lucio Dalla
Significato della canzone Aquila di Lucio Dalla
  • Interventi 1 / Visualizzazioni 928

Significato più votato

Secondo me Aquila è una vera e propria poesia parla della nascita, della prima spinta alla vita.
La voce narrante si immedesima nel bambino pronto a venire alla luce, raccontando il momento del parto dal suo punto di vista, come un momento ricchissimo di emozioni.

Accanto a questo significato, l'aspetto particolarmente dolce e intenso di questa canzone di Dalla a mio giudizio è che potrebbe essere letto come un testo sulla nascita, inteso in senso metaforico.

Alcune strofe designano infatti il primo sguardo tra il nascituro e i genitori, in particolare la madre, come una dimensione essenziale e universale, che potrebbe individuare la nascita di qualsiasi amore incondizionato, non solo quello che lega un rapporto parentale.
Mi riferisco in particolare ai versi:

E tu chi sei, perché mi stai guardando
Nessuno mi ha mai guardato cosi'
Lei ride, si alza, si sta avvicinando
E poi in silenzio rimane li'
Forse l'amore comincia in silenzio
E aprire e chiudere le ali
Va bene guardami che t'insegno a volare


Aquila appartiene all'album Viaggi organizzati (Pressing) del 1984, fonte.
Si tratta di un album che vuole spezzare le catene col passato stilistico di Dalla cantautore. Come è stato notato: 

È il 1984 e la modernità ha le forme dei sintetizzatori che definiscono il suono del nuovo pop

Fonte

A proposito dell'album è stato scritto:

"Lucio Dalla trova un complice in Mauro Malavasi che non ha nemmeno 30 anni e già s’è fatto un nome a livello internazionale grazie a una serie di produzioni dance. I due, scrive Roberta Maiorano in “L’uomo che sussurrava al futuro”, si sono conosciuti verso la fine dell’82 durante un viaggio negli Stati Uniti. Malavasi “è la persona più stimolante con cui abbia mai lavorato in Italia e fuori”, dirà il cantautore a Stefano Pistolini nel numero di febbraio 1985 di Fare Musica. “È un grande talento che tende però molto spesso a ridurre la propria presenza. Tranne che in quei momenti in cui a lui, come a me, prendono delle vere e proprie psicopatologie da attività tecnica ed emotiva. Siamo uniti da un feeling fantastico”. Nello stesso numero della rivista il produttore ricambia i complimenti parlando con Vittorio Azzoni: “Ho sempre ritenuto Dalla come il più estroso dei musicisti italiani, un’entità variegata che mi ha sempre incuriosito. Ma non ho cercato di prevaricare quella che è la sua personalità artistica, credo semmai di averla scarnificata e snellita nella sua essenza. Un lavoro fluido, di conoscenza, di scambio di idee”.

L’album nasce come una lunga session fra i due, con la partecipazione del bassista Roberto Costa. Vengono poi coinvolti Bruno Mariani (chitarra), Mauro Gherardi (batteria, percussioni), l’amico Ron (pianoforte, tastiere, co-autore di “Aquila” e “Stornello”). Serse Mai porta il Fairlight, il sintetizzatore digitale che Dalla ha visto usare da Laurie Anderson. I suoni staccati e alieni di “O Superman” sembrano il punto di riferimento per il brano che dà il titolo al lavoro di Dalla. Le session di registrazione durano una ventina di giorni, molto più lungo e sofferto è il lavoro di missaggio che si rivela delicato e fondamentale per definire l’album. “È stato un episodio positivo, di grandissima allegria”, dirà Dalla, “condito da un paio di scazzi micidiali in fase di missaggio”".
Fonte.
Immagine dell'utente Lola | 177 Punti
1 reazione a questo significato

Quale è per te il significato di questa canzone?

Se ti registri verrai aggiornato automaticamente sullo stato della pagina.
Ci sono errori?

Le più visualizzate di Lucio Dalla

Immagine testo significato Cara
Immagine testo significato Anna e Marco
Immagine testo significato Futura
Lucio Dalla, immagine
Le altre di Lucio Dalla