La Leva Calcistica Della Classe ’68, significato

di Francesco De Gregori
Significato della canzone La Leva Calcistica Della Classe ’68 di Francesco De Gregori
  • Interventi 8 / Visualizzazioni 55897

Significato più votato

qui http://comeunkillersottoilsole.blogspot.it/2012/04/la-leva-calcistica-della-classe-68.html c'è una bellissima spiegazione

De Gregori parla di calcio, certo, ma nel suo significato allegorico di specchio dell’esistenza. Come su un rettangolo verde, così lotti nella vita, vinci o perdi, sudi, soffri, gioisci. C’è un’etica, una dirittura morale, che, così come nello sport, informa le scelte dell’esistenza. Ma c è anche il fato, o una momentanea debolezza, o un lapsus, per cui il rigore determinante, quello che cambia il corso degli eventi, può essere sbagliato anche dal migliore, nonostante “ metta il cuore dentro alle scarpe e corra più veloce del vento”. Il protagonista della canzone fa parte infatti di una schiera di magnifici perdenti, di quei “ giocatori tristi che non hanno vinto mai”, che nessuno ormai più ricorda e che si sono giocati tutto in un unico, esiziale frangente. Uomini che hanno scelto la rettitudine piuttosto che l’inganno, o che semplicemente hanno sbagliato nel momento decisivo della propria vita. Una vita che li ha irrimediabilmente condannati all’indeterminatezza (ed hanno appeso le scarpe a qualche tipo di muro e adesso ridono dentro a un bar e sono innamorati da dieci anni con una donna che non hanno amato mai ) ma che invece De Gregori assolve perché un grande giocatore ( e un grande uomo ) resta tale anche se sbaglia un calcio di rigore, dal momento che “non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore.Un giocatore lo vedi dal coraggio, dall'altruismo e dalla fantasia” .Ma la canzone, così ricca di spunti, dispiega un ulteriore significato, questa volta di natura squisitamente politica. La Leva Calcistica della Classe ’68 altro non è che la generazione dei sessantottini, di quei giovani cioè che cercarono di cambiare il mondo e che la Storia invece sconfisse. Non a caso la canzone viene inserita in Titanic, la grande nave da crociera che affonda così come affondano il paese Italia e gli ideali di civiltà che quel movimento propugnava ( dopo il ’68 arriveranno gli anni di piombo, le stragi, la strategia della tensione, i servizi segreti deviati e non ). Coraggio, Altruismo e Fantasia, possono così essere lette anche come le qualità che la politica dovrebbe avere e non ha mai avuto, e di cui invece il movimento del ’68, forse troppo ingenuamente, si faceva portavoce. Quei giovani che credevano in così alti ideali hanno perso, ma resta ancora in loro e in tutti quelli che credono in una politica al servizio del bene comune, la speranza di cambiare il mondo : Il ragazzo si farà, anche se ha le spalle strette, quest’ altro anno giocherà con la maglia numero sette “ ( il ragazzo con la maglia numero sette è Bruno Conti, che un mese dopo l’uscita di Titanic, vincerà il mondiale di Spagna ).

Immagine dell'utente Lorenzo | 9 Punti
37 reazioni a questo significato
Immagine dell'utente Anonimo
Anonimo

Mi sapete dire l'anno della canzone?

Immagine dell'utente Anonimo
Anonimo

l'anno è il 1982

Immagine dell'utente Anonimo
Anonimo

Scusate ma l'anno del titolo è 58 non 68, Non scrivete fesserie.

Immagine dell'utente Anonimo
Anonimo

No...è proprio 68.

Guarda che la Canzone è per Agostino (Nino) Di Bartolomei

Immagine dell'utente Lamberto | 36 Punti
17 reazioni a questo significato
Immagine dell'utente Gianni Sanremo
Gianni Sanremo

Lo disse De Gregori in una intervista che lui pensava al Grande Agostino Di Bartolomei quando scrisse La leva........

Immagine dell'utente Anonimo
Anonimo

con la maglia n.7 e le spalle strette è Bruno Conti

Immagine dell'utente Anonimo
Anonimo

io so per certo che la canzone è dedicata a Roberto Scarnecchia, ai tempi voluto fortemente dal barone Liedholm alla Roma e poi al Milan.E fu proprio Liedholm a convincerlo a diventare calcaitore quando invece lui non er interessato al professioinismo

Immagine dell'utente Mietta

Dedicata a Di Bartolomei punto.. se non sapete non scrivete confondendo le persone!! Nino Di bartolomei arrivo` nel 68 alla Roma, Capitano, era un gran rigorista, ( 12 anni e il cuiore pieno di paura, ovvero l `eta che aveva DiBa ) e nell`82, quando la canzone fu scritta lui aveva la maglia n.7 .... ancora dubbi?

Immagine dell'utente Furio

Fu proprio De Gregori a svelare che la canzone lui la dedicò a Nino Di Bartolomei. Hanno ragione sia Mietta che Gianni.

Immagine dell'utente Elda

Mietta non dire stronzate nell’82 agostino aveva la maglia n.10 al massimo un anno prima 80-81 indossava la 8 e poi ha preso la 10 che poi la canzone era dedicata a lui è un altro discorso ma se non sai la storia della roma della maglia della roma sta zitta

Immagine dell'utente Ione

Nel 1982/83 il grande Agostino indossò tra le altre anche la maglia numero 7. Non essere aggressiva Elda. Buon Natale

Nino rappresenta il nostro viaggio interiore il nostro bisogno di correre e di segnare il calcio di rigore... che si scontra con la nostra paura di sbagliare di scegliere ed agire facendo l'analisi delle conseguenze, ma non è da questi partiocolari che si giudica un giocatore

Immagine dell'utente Moreno | 34 Punti
9 reazioni a questo significato

Puoi anche non sbagliare il calcio di rigore ma se non hai il coraggio, l'altruismo e la fantasia non puoi essere giudicato come giocatore! ... Per chi invece ha sbagliato il rigore ma ha il coraggio, l'altruismo e la fantasia coraggio! Il prossimo anno gioca con la maglia numero 7! La pienezza! Vivi la vita!

Immagine dell'utente Mariano | 25 Punti
7 reazioni a questo significato

La canzone che parla di un ragazzino che giocando a calcio in un campetto di periferia ha paura di calciare un rigore. Ma la partita di calcio è la metafora della vita e la paura di tirare un calcio di rigore è la paura di sbagliare nell'affrontarla.

Immagine dell'utente Miriam | 32 Punti
5 reazioni a questo significato

La canzone che parla di un ragazzino che giocando a calcio in un campetto di periferia ha paura di calciare un rigore. Ma la partita di calcio è la metafora della vita e la paura di tirare un calcio di rigore è la paura di sbagliare nell'affrontarla

Immagine dell'utente Loris | 27 Punti
1 reazione a questo significato

Quale è per te il significato di questa canzone?

Se ti registri verrai aggiornato automaticamente sullo stato della pagina.