Video per il significato della canzone Inverno di Fabrizio De Andrè

Richiesto da ingiz

Pubblicato 30 giugno 2017

Ultima interpretazione 16 gennaio 2023

Interventi 4 · Visualizzazioni 0 · Annotazioni 0

Alessandro Descovi che muove le mani

Questo sito come vedi questo sito cerca di non ospita banner troppo invadenti (a parte la mia faccia!) e per sostenersi usa un banner nella parte superiore i link affiliati.

Se vuoi supportare questo sito puoi acquistare alcuni di questi prodotti che ti consiglio perché li uso e/o mi sono stati utili

  • L'era della Dopamina di Anna Lembke è una riflessione che individua le problematicità che derivano dall'uso dei media digitali e individua alcune possibili soluzioni e racconta nel dettaglio i meccanismi psicologici che permettono di produrre dopamina nei modi più inaspettati
  • Deep Work di Cal Newport è una riflessione sulla concentrazione e sulla capacità di lavorare in modo profondo li Hosting su DigitalOcean
  • Momento.cc la piattaforma per la gestione del tempo che abbiamo creato a lavoro e che usiamo ogni giorno per tenere traccia del nostro lavoro e che aiuta a fornire il giusto valore al tuo tempo

Grazie per il tuo supporto!

Significato più votato

Inverno appartiene all’album Tutti morimmo a stento (inizialmente accompagnato dalla dicitura Volume 2), concept-album tra i primi in Italia, pubblicato nel 1968 e avente come tema la morte fisica e psicologica dell’individuo (sull’album: http://www.ondarock.it/pietremiliari_ita/deandre_tutti.htm).

Diversamente dagli altri brani dell’album, in Inverno De Andrè pare dare altro significato alla morte, non solo intesa come desolazione, luogo senza ritorno. Qui il cantautore ci lascia intravedere della speranza.

Forte infatti è l’attesa di “un’altra estate”: allo scenario cupo e cimiteriale fa da contrappunto una tensione positiva che porta a credere che “la neve morirà domani” e che c’è in serbo ancora un’altra primavera (“l’amore ci passerà ancora vicino, nella stagione del biancospino”).

Un testo consolatorio, dunque, che racconta della ciclicità della vita, ("ma tu che vai, ma tu rimani"), del susseguirsi delle stagioni, della notte che incombe sul giorno e le luci del tramonto e dell’alba che si confondono. In questo chiaro-scuro le ombre emergono, i volti appaiono spettrali e i ricordi, che solo una riflessione melanconica sulla morte può far affiorare, si affacciano come “le gioie passate” che sono inghiottite dallo scorrere del tempo.

Eppure, nonostante i riferimenti all’oltretomba e all’inesorabilità di questo ciclo, si impone un significato ulteriore del testo: questo riposo è solo momentaneo, come gli uomini anche la neve “morirà domani”, lasciando sbocciare una terra pronta alla nuova stagione, cui nuovamente seguirà l’inverno. La nebbia infatti sale, fin dai primi versi della canzone, a mostrare il lento processo di rischiaramento a cui stiamo partecipando.

Ecco che la morte qui per Fabrizio sembra essere non solo una ‘caduta nel nulla’, un angoscioso epilogo, ma piuttosto una sorta di passaggio. Un lasciare spazio ad altro che, sebbene non propriamente religioso, fa filtrare la profonda vicinanza che, coi suoi toni spesso sarcastici, sempre puntuali e pungenti, De Andrè ha spesso mostrato con il mistero e il sacro. É infatti non a caso un campanile a segnare il “confine tra la terra e il cielo”, tra la vita e la morte, come una linea verticale di connessione tra il mondo dei vivi e ciò che oltrepassa la nostra conoscenza, così come sarà sempre sui “camposanti” che ricadrà nuovamente quella coltre nevosa, per poi un giorno tornare a sciogliersi.

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Ciao

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Ciao

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Ciao

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Altre canzoni di Fabrizio De Andrè

Alessandro Descovi che muove le mani

Questo sito come vedi questo sito cerca di non ospita banner troppo invadenti (a parte la mia faccia!) e per sostenersi usa un banner nella parte superiore i link affiliati.

Se vuoi supportare questo sito puoi acquistare alcuni di questi prodotti che ti consiglio perché li uso e/o mi sono stati utili

  • L'era della Dopamina di Anna Lembke è una riflessione che individua le problematicità che derivano dall'uso dei media digitali e individua alcune possibili soluzioni e racconta nel dettaglio i meccanismi psicologici che permettono di produrre dopamina nei modi più inaspettati
  • Deep Work di Cal Newport è una riflessione sulla concentrazione e sulla capacità di lavorare in modo profondo li Hosting su DigitalOcean
  • Momento.cc la piattaforma per la gestione del tempo che abbiamo creato a lavoro e che usiamo ogni giorno per tenere traccia del nostro lavoro e che aiuta a fornire il giusto valore al tuo tempo

Grazie per il tuo supporto!

Altre canzoni

L'essenziale
L'essenziale di Marco Mengoni
11 interpretazioni
Anna e Marco
Anna e Marco di Lucio Dalla
12 interpretazioni
Tensione evolutiva
Tensione evolutiva di Jovanotti
11 interpretazioni
Cuccurucucu
Cuccurucucu di Franco Battiato
37 interpretazioni
Maracaibo
Maracaibo di Lu Colombo
5 interpretazioni
Sotto casa
Sotto casa di Max Gazzè
80 interpretazioni

Significato Canzone, allo stesso modo di Wikipedia,è costruito attraverso il libero contributo delle persone che possono chiedere il significato delle canzoni,esprimere il proprio punto di vista sull'interpretazione del testo ed annotare singoli versi delle canzoni.

Ogni consiglio o idea per migliorare è bene accetto.

Verranno rimosse volgarità non necessarie e se segnalati verranno corretti gli errori o elementi offensivi.

Questo sito è stato costruito e viene mantenuto da Rubynetti.it un team di sviluppatori rails che sviluppa web app con Ruby On Rails e Vue da più di 10 anni.

Significato Canzone è un progetto di Rubynetti.it - Alessandro Descovi
P.IVA 04225940271 - Castello Venezia 3274, 30122 Venezia VE

DigitalOcean Referral BadgeLogo Badge Rubynetti - Sviluppato e programmato da Rubynetti.it