Fiume Sand Creek

Video per il significato della canzone Fiume Sand Creek di Fabrizio De Andrè

Richiesto da Qualcuno

Pubblicato 19 gennaio 2013

Ultima interpretazione 01 febbraio 2023

Interventi 10 · Visualizzazioni 2248 · Annotazioni 5

Alessandro Descovi che muove le mani

Questo sito come vedi questo sito cerca di non ospita banner troppo invadenti (a parte la mia faccia!) e per sostenersi usa un banner nella parte superiore i link affiliati.

Se vuoi supportare questo sito puoi acquistare alcuni di questi prodotti che ti consiglio perché li uso e/o mi sono stati utili

  • L'era della Dopamina di Anna Lembke è una riflessione che individua le problematicità che derivano dall'uso dei media digitali e individua alcune possibili soluzioni e racconta nel dettaglio i meccanismi psicologici che permettono di produrre dopamina nei modi più inaspettati
  • Deep Work di Cal Newport è una riflessione sulla concentrazione e sulla capacità di lavorare in modo profondo li Hosting su DigitalOcean
  • Momento.cc la piattaforma per la gestione del tempo che abbiamo creato a lavoro e che usiamo ogni giorno per tenere traccia del nostro lavoro e che aiuta a fornire il giusto valore al tuo tempo

Grazie per il tuo supporto!

Significato più votato

Nella terza canzone De André paragona i sardi agli indiani che fanno la loro comparsa in Fiume Sand Creek, che ha per tema un reale massacro di pellerossa, avvenuto il 29 novembre 1864, quando alcune truppe della milizia del Colorado, comandate dal colonnello John Chivington, attaccarono un villaggio di Cheyenne e Arapaho, massacrando molte donne e bambini; l'episodio è raccontato attraverso il linguaggio innocente e forse un po' surreale di un bambino vittima dell'avvenimento.

Caricamento dei sotto commenti in corso...

**
Si son presi il nostro cuore sotto una coperta scura
sotto una luna morta piccola dormivamo senza paura
fu un generale di vent'anni
occhi turchini e giacca uguale
fu un generale di vent'anni
figlio d'un temporale.

C'è un dollaro d'argento sul fondo del Sand Creek.
**
Questa scena introduce e anticipa l'epilogo del massacro di Sand Creek perpetrato il 29 novembre 1864 da parte dei soldati americani comandati dal colonnello Chivington.
Il narratore (De Andrè) racconta il dramma, visto con gli occhi di un bambino indiano testimone e protagonista.
**
I nostri guerrieri troppo lontani sulla pista del bisonte
e quella musica distante diventò sempre più forte
chiusi gli occhi per tre volte
mi ritrovai ancora lì
chiesi a mio nonno è solo un sogno
mio nonno disse sì.
**
Arrivano i massacratori al suono della tromba ed il bimbo, incredulo di ciò che sta accadendo chiede la protezione del nonno invocando il sogno.... ed il nonno la concede.
Questa immagine è a mio modo di vedere di una tenerezza sconfinata.
**
A volte i pesci cantano sul fondo del Sand Creek.

Sognai talmente forte che mi uscì il sangue dal naso
il lampo in un orecchio nell'altro il paradiso
le lacrime più piccole
le lacrime più grosse
quando l'albero della neve
fiorì di stelle rosse.
**
Il massacro avvenne in inverno ed il bambino colpito vede gli schizzi di sangue tingere la neve.
Altra potentissima immagine come solo De Andrè sa descrivere.

**
Ora i bambini dormono nel letto del Sand Creek.

Quando il sole alzò la testa tra le spalle della notte
c'erano cani e fumo e tende capovolte
tirai una freccia in cielo
per farlo respirare
tirai una freccia al vento
per farlo sanguinare.
**
Il bambino è sopravissuto al massacro e descrive l'immenso stato di tensione ancora presente nell'aria, uno stato di tensione tale da impedire il respiro, e l'adrenalina talmente alta da impedire il sanguinamento.

**
La terza freccia cercala sul fondo del Sand Creek.

Si son presi i nostri cuori sotto una coperta scura
sotto una luna morta piccola dormivamo senza paura
fu un generale di vent'anni
occhi turchini e giacca uguale
fu un generale di vent'anni
figlio d'un temporale.
**
L'ultima strofa ci riporta all'essenza della responsabilità del colonnello Chivington per lo sterminio di 130...175 (stime) civili inermi i cui corpi furono poi gettati sul fondo del fiume Sand Creek.
**
Ora i bambini dormono sul fondo del Sand Creek.
**

Nessuno fu mai condannato per questo abominio, del resto come avrebbe potuto essere diversamente? Le stime dicono che la nazione americana è stata fondata sullo sterminio di 70,.... 90 milioni di nativi americani, la maggior parte per fame (sterminando i bisonti) o diffondendo la peste ed altre epidemie.

Caricamento dei sotto commenti in corso...

“Fiume Sand Creek” è parte del decimo album registrato in studio da Fabrizio De André, pubblicato nel 1981 senza titolo e perciò conosciuto come “L'Indiano”, per l'immagine di copertina: una pittura di Frederic Remington che raffigura un indiano a cavallo sullo sfondo di un tramonto. 
 Il brano, scritto con Massimo Bubola, traendo spunti anche da “Memorie di un guerriero Cheyenne”, tratta della “Battaglia di Sand Creek”, altrimenti conosciuta come “Massacro di Chivington”.
 Il 29 Novembre 1864 il generale John Chivington, a dispetto dei trattati di pace firmati dai capi tribù del Colorado, attaccò un accampamento di circa seicento indiani Cheyenne e Arapaho stanziati in un'ansa del fiume Big Sandy Creek. L'attacco provocò il massacro di più di centocinquanta pellerossa fra uomini, donne e bambini.
 Il testo si compone di sei strofe di sette versi ciascuna dalla metrica variabile. La prima e l'ultima strofa sono uguali, tranne che per i rispettivi versi conclusivi.
 La narrazione è volutamente atroce, affidata alle sensazioni di un bambino presente al massacro, che racconta l'eccidio nell'alternanza simbolica di notte (...luna morta piccola...) e alba (...quando il sole alzò la testa fra le spalle della notte...). Si tratta di tre immagini emblematiche della più generale visione di De André. 
 La fanciullezza come innocenza, autenticità, trasporto per la natura e cifra dell'umano (in “Coda di Lupo” il bambino s'innamora di tutto, corre dietro ai cani...).
 Il buio (la notte) è l'oblio della ragione e del senso di umanità, un oscuramento quasi ineluttabile della ragione,della pietà e, quindi, della coscienza.
 La luce dopo le tenebre (l'alba) è il recupero del discernimento dopo l'ennesima mattanza umana (ogni guerra), la presa d'atto di un'altra tragedia ormai avvenuta, che lascia solo rassegnata disperazione.

 L'attacco è a tradimento, senza ragione (...si son presi il nostro cuore sotto una coperta scura...dormivamo senza paura). L'artefice (e il motivo della ferocia) non ha sembianze precise, ma è un qualcuno (e un qualcosa) di indefinito (...occhi turchini e giacca uguale...), assimilabile al rombo del cielo (...figlio di un temporale...), ma spiegabile col dollaro d'argento sul fondo del fiume: l'avidità della conquista per lo sfruttamento economico delle risorse di quei territori.

 In un accampamento indifeso (...i nostri guerrieri troppo lontani...) il frastuono che si avvicina è una presagio sinistro (...quella musica distante...) che il bambino (l'animo umano) tenta di scacciare (...chiusi gli occhi per tre volte...) credendolo una sensazione onirica, da incubo (...chiesi a mio nonno è solo un sogno...), che il nonno avvalla per tranquillizzare il piccolo.
 Ma nella storia del mondo gli incubi sono reali e il bambino, emblema dell'umano, è “diviso” fra ceca violenza e desiderio del paradiso (...il lampo in un orecchio, nell'altro il paradiso...); il suo pianto, tanto agghiacciante quanto può esserlo quello di un piccolo innocente, è per gli schizzi di sangue che macchiano la neve candida (...quando l'albero della neve fiorì di stelle rosse...).

 Quando la luce giunge a rischiarare l'errore e l'orrore (...il sole alzò la testa fra le spalle della notte...) è troppo tardi perché la tragedia è ormai compiuta, rimane solo da prendere atto del corollario di distruzione, morte e disperazione che rimane, lancinante, nell'animo dei superstiti.
 Il bambino tira le ultime due frecce, una in cielo “per farlo respirare” ed un'altra al vento “per farlo sanguinare”. Forse De André vuole significare una reazione costruttiva (far respirare il cielo) per riaccendere la speranza, ed una vendicativa, far sanguinare il vento simbolo di forza. Comunque sia, il bambino della canzone, dopo una terza ed ultima freccia, giace anch'esso sul fondo del fiume Sand Creek.
 Da notare come gli ultimi versi di ciascuna strofa si riferiscano sempre al letto del fiume, dove, in un insieme surreale ed emblematico, si trovano il dollaro d'argento, i pesci che cantano (nella fantasia dei bambini), i bambini che dormono, la terza freccia (e la vita) del piccolo indiano.

Caricamento dei sotto commenti in corso...

La strage di nativi da parte dei soldati dell esercito americano, uno dei tanti episodi di sangue di cui si sono macchiati nella loro storia.

Caricamento dei sotto commenti in corso...

mettere in rilievo quanto é pericolosa una parte dell'umanitá malata e quanto soffre quella sana nel prendere atto che tutto ciò accade da sempre. Fino a quando esisterá il "nonno" esisterá il sogno che i bambini possano solo giocare nel Sand Creek. Grazie Fab.

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Amo quesa canzone. Il ritmo il testo, il dollaro d'argento è ormai il west che finisce a arriva l'economia a spazzar via tutto

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Secondo me proteggevano i piccoli come le carpe le uova ma i "nostri guerrieri troppo lontani......." Mentre in ordine sparso i cormorani?

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Oltre la storia della Sardegna questa canzone ricorda da molto vicino le vicende del regno delle due Sicilie dove a causa di leggi della bieca economia i torinesi, con la falsa scusa di una unificazione, depredarono un regno ricco e prosperoso. Cavour doveva rimpinguare le casse del regno di Sardegna ridotte al lumicino per via delle guerre contro l'Austria e pensò bene di invadere il regno delle due Sicilie addirittura senza mai una dichiarazione di guerra, lasciando il comando ad un generale, Garibaldi, condannato in Messico perché ladro di cavalli e per questo mutilato dal lobo delle orecchie.

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Non trovo le parole giuste per descrivere questo orrore .troppo facile
Infierire sui deboli.bravo ,grande De Andre. E le guerre continuano........

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Secondo me questa canzone è molto profonda e bella.
È piena di significato!
AMAZING

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Altre canzoni di Fabrizio De Andrè

Testo

Si son presi il nostro cuore sotto una coperta scura
sotto una luna morta piccola dormivamo senza paura
fu un generale di vent'anni
occhi turchini e giacca uguale
fu un generale di vent'anni
figlio d'un temporale.
C'è un dollaro d'argento sul fondo del Sand Creek.
I nostri guerrieri troppo lontani sulla pista del bisonte
e quella musica distante diventò sempre più forte
chiusi gli occhi per tre volte
mi ritrovai ancora lì
chiesi a mio nonno è solo un sogno
mio nonno disse sì.
A volte i pesci cantano sul fondo del Sand Creek.
Sognai talmente forte che mi uscì il sangue dal naso
il lampo in un orecchio nell'altro il paradiso
le lacrime più piccole
le lacrime più grosse
quando l'albero della neve
fiorì di stelle rosse.
Ora i bambini dormono nel letto del Sand Creek.
Quando il sole alzò la testa tra le spalle della notte
c'erano cani e fumo e tende capovolte
tirai una freccia in cielo
per farlo respirare
tirai una freccia al vento
per farlo sanguinare.
La terza freccia cercala sul fondo del Sand Creek.
Si son presi i nostri cuori sotto una coperta scura
sotto una luna morta piccola dormivamo senza paura
fu un generale di vent'anni
occhi turchini e giacca uguale
fu un generale di vent'anni
figlio d'un temporale.
Ora i bambini dormono sul fondo del Sand Creek.

Alessandro Descovi che muove le mani

Questo sito come vedi questo sito cerca di non ospita banner troppo invadenti (a parte la mia faccia!) e per sostenersi usa un banner nella parte superiore i link affiliati.

Se vuoi supportare questo sito puoi acquistare alcuni di questi prodotti che ti consiglio perché li uso e/o mi sono stati utili

  • L'era della Dopamina di Anna Lembke è una riflessione che individua le problematicità che derivano dall'uso dei media digitali e individua alcune possibili soluzioni e racconta nel dettaglio i meccanismi psicologici che permettono di produrre dopamina nei modi più inaspettati
  • Deep Work di Cal Newport è una riflessione sulla concentrazione e sulla capacità di lavorare in modo profondo li Hosting su DigitalOcean
  • Momento.cc la piattaforma per la gestione del tempo che abbiamo creato a lavoro e che usiamo ogni giorno per tenere traccia del nostro lavoro e che aiuta a fornire il giusto valore al tuo tempo

Grazie per il tuo supporto!

Altre canzoni

La Mia Signorina
La Mia Signorina di Neffa
13 interpretazioni
Diamonds
Diamonds di Rihanna
1 interpretazioni
L'essenziale
L'essenziale di Marco Mengoni
11 interpretazioni
Cuccurucucu
Cuccurucucu di Franco Battiato
37 interpretazioni
Sotto casa
Sotto casa di Max Gazzè
80 interpretazioni
Terra degli uomini
Terra degli uomini di Jovanotti
11 interpretazioni

Significato Canzone, allo stesso modo di Wikipedia,è costruito attraverso il libero contributo delle persone che possono chiedere il significato delle canzoni,esprimere il proprio punto di vista sull'interpretazione del testo ed annotare singoli versi delle canzoni.

Ogni consiglio o idea per migliorare è bene accetto.

Verranno rimosse volgarità non necessarie e se segnalati verranno corretti gli errori o elementi offensivi.

Questo sito è stato costruito e viene mantenuto da Rubynetti.it un team di sviluppatori rails che sviluppa web app con Ruby On Rails e Vue da più di 10 anni.

Significato Canzone è un progetto di Rubynetti.it - Alessandro Descovi
P.IVA 04225940271 - Castello Venezia 3274, 30122 Venezia VE

DigitalOcean Referral BadgeLogo Badge Rubynetti - Sviluppato e programmato da Rubynetti.it