Il giudice

di Fabrizio De Andrè
Significato della canzone Il giudice di Fabrizio De Andrè
  • Richiesto da Ombretta Orsoni
  • Interventi 8 / Visualizzazioni 5863
Significato più votato

C'è poco da interpretare del pensiero di De Andrè: la canzone è la traduzione più o meno libera di una poesia di Edgar Lee Master dala raccolta Antologia di Spoon River, infatti è inserita nell'LP "Non al denaro non all'amore né al cielo" dove tutte le canzoni sono prese da poesie di Master. Basta andare su Wikipedia e leggerete: “Un giudice” è tratta dalla storia di Selah Lively, un uomo da sempre deriso a causa della bassa statura (nella poesia originale, 5 piedi e 2 pollici, cioè 157,48 cm, un metro e mezzo nella canzone) il quale, studiando giurisprudenza nelle notti insonni vegliate al lume del rancore, diventa giudice e si vendica della sua infelicità attraverso il potere di giudicare e condannare (giudice finalmente, arbitro in terra del bene e del male), incutendo timore a coloro che prima lo irridevano. La storia si conclude con il giudice che, nell'ora dell'addio, finisce con l'inginocchiarsi, non conoscendo affatto la statura di Dio. Grande importanza anche qui, come in "Un matto" il tema dell'invidia, che diventa ancora una volta il motore dell'agire del personaggio; in questa canzone De André mostra come l'opinione che gli altri hanno su di noi ci crei disagio e sconforto. Il giudice, definito iperbolicamente con l'epiteto di nano da De André, diventa una carogna per il semplice fatto che gli altri sono sempre stati carogne con lui; si abbandona quindi il tema malinconico dell'invidia provata dal matto e si trova un'invidia che trova nella vendetta l'unica cura possibile."

Immagine dell'utente Giuseppe Tretola Giuseppe Tretola
7 persone trovano utile questo significato
Immagine dell'utente Anonimo
Anonimo
In un matto non c'è il tema dell'invidia, semmai dell'intolleranza verso ciò che è diverso. E comunque è un concetto velato, mentre la canzone parla di tutt'altro.
  • non credo che De Andrè voglia far apparire il nano come un vendicativo. alla fine lo descrive con una certa saggezza che gli permette di inchinarsi con umiltà davanti ad un entità (Dio) a prescindere dalla sua statura o aspetto fisico.

    Immagine dell'utente Anonimo
    2 persone trovano utile questo significato
    Immagine dell'utente Anonimo
    Anonimo
    Non credo proprio proprio che sia questa la morale spttesa al testo de il giudice. Non bisogna mai giudicare dalle apparenze una persona,De andrè si limità a mettere a fuoco la rivincita delle persone considerate dalla società emarginate in virtù di qualche deficenza che sia fisica o sociale: De andrè è da ritenersi sostenitorie dei piu deboli
  • sono d'accordo più sulla prima tesi che sulla seconda. Il protagonista otterrà dagli eventi una sorta di riscatto sociale ed umano che diversamente non avrebbe mai ottenuto quasi una forma di compensazione nell'intenzione dell'autore all'emarginazione ed alla discriminazione sociale ed intrinseca che il protagonista subisce. La cultura, il potere de il rango sociale così ottenuti danno nell'intenzione del poeta occasione di riscatto al nano che in questa nuova veste è finalmente rispettato. Questo cambiamento è però effimero e, negli ultimi versi denota un cambiamento sostanziale nell.nell'indole del protagonista

    Immagine dell'utente Anonimo
    2 persone trovano utile questo significato
  • Il giudice di De Andrè un racconto su un piccolo nano frustrato che inizialmente è oggetto di umiliazione e poi acquisito il potere diviene maligno anch'esso abusando della sua posizione e sfogando la propria frustrazione sul nuovo malcapitato oggetto del suo giudizio.

    Immagine dell'utente Anonimo
    1 persona trova utile questo significato
  • Scusate, ma qui nessuno ha capito un tubo...intanto la canzone si chiama Un giudice, quindi è tutto da rifare...la mia interpretazione, non così assurda visto che è corroborata da quanto pescato sul web è la seguente. Partite dalle parole finali e non fermatevi (comodamente) a quelle prima (la vendetta, il rancore, ecc.). Quelle sono balle per gente che non va oltre. Così finisce la canzone: "...prima di genuflettermi nell'ora dell'addio, non conoscendo affatto la statura di Dio". C'è tutto, che si creda o meno in Dio. E a quanto mi risulta lui non credeva, ma aveva una forte spiritualità. Nonostante talvolta si sia dichiarato non credente, egli espresse spesso nei fatti una religiosità di tipo "panteistico", pur ammirando alcune figure religiose concrete. Affermò: "Quando parlo di Dio lo faccio perché è una parola comoda, da tutti comprensibile, ma in effetti mi rivolgo al Grande Spirito in cui si ricongiungono tutti i minuscoli frammenti di spiritualità dell’universo". E in occasione del concerto al Brancaccio a Roma, ultima sua apparizione prima di lasciarci, disse: "Io mi ritengo religioso e la mia religiosità consiste nel sentirmi parte di un tutto, anello di una catena che comprende tutto il creato e quindi nel rispettare tutti gli elementi, piante e minerali compresi, perché, secondo me, l'equilibrio è dato proprio dal benessere diffuso in ciò che ci circonda. La mia religiosità non arriva a ricercare il principio, che tu voglia chiamarlo creatore, regolatore o caos non fa differenza. Però penso che tutto quello che abbiamo intorno abbia una sua logica e questo è un pensiero al quale mi rivolgo quando sono in difficoltà, magari dandogli i nomi che ho imparato da bambino, forse perché mi manca la fantasia per cercarne altri". Capita l'antifona o è così difficile?

    Immagine dell'utente Luca Luca
    1 persona trova utile questo significato
    Scusami Luca ma la parte sulla genuflessione la vedo come elemento ironico. In effetti nessuno ha mai individuato quanto sia alto Dio. Almeno così la interpreto io :-)
    Mi spiace, ma è l.Lei a non ver capito la canzone. Come scritto dal lettore Giuseppe Tretola canzone è la traduzione più o meno libera di una poesia di Edgar Lee Master dala raccolta Antologia di Spoon River, infatti è inserita nell'LP "Non al denaro non all'amore né al cielo" un album ispirato a quell'opera letteraria.Quanto all'ultimo verso "prima di genuflettermi nell'ora dell'addio non conoscendo la statura di Dio" può essere interpretata liberamente sia come il Dio che noi conosciamo sia come entità spirituale che essendo superiore non è così idiota da giudicare le persone dalla loro statura"
    Immagine dell'utente Anonimo
    Anonimo
    Lui si inginocchia parché nel momento della morte ha paura che possa esserci un Dio-Giudice che possa comportarsi da carogna con lui, così come lui ha fatto per tutta la sua vita da Giudice.
  • questa canzone ha varie letture. 1) La cattiveria umana nei confronti delle persone di bassa statura, che pur essendo una malattia, non viene considerata tale. Infatti, mentre raramente i non vedenti, quelli con handicap motorio o i non udenti vengono insultati con epiteti tipo ciechi, paralitici o sordi, (e quando vengono insultati le persone di fronte a queste offese tutti giustamente si indignano), le persone di bassa statura vengono spesso insultate pesantemente con epiteti tipo "nano, tappo etc" (ma pochi si indigano, molti ridono) 2) il riscatto sociale che avviene attraverso l'intelletto e lo studio. Uno alto un metro e mezzo non può certo fare a botte con quelli che lo insultano perché le prenderebbe. Ma diventato giudice ha un potere che che quelli che lo insultavano non hanno Infatti questi diventano "piccoli piccoli" e lo chiamano vostro onore 3) che anche una persona buona se insultata e disprezzata per anni può diventare vendicativa ..4) che esiste un altro mondo dove esisite un Dio (non importa se il Dio cristiano o altro) che rappresentando un'entità superiore (può essere anche l'intelletto) non è così idiota da giudicare le persone dalla loro statura.

    Immagine dell'utente Alessandro67 Alessandro67
    -
    Immagine dell'utente Anonimo
    Anonimo
    Il punto 4) è la speranza che ha il protagonista, che solo alla fine della sua vita si rende conto di quanto si sia comportato da carogna e teme che anche un giudice più in alto di lui possa fare altrettanto.
  • Molto chiaro De Andre ce l ha col giudice in questo caso nano il quale ha ha emesso una sentenza scorreta nei suoi confronti.

    Immagine dell'utente Pompa Pompa
    -
  • @Pompa ha dato un'interpretazione sbagliata quella corretta è quella di Giuseppe e degli altri che si riferiscono all'antologia di Spoon river

    Immagine dell'utente Anonimo
    -
  • Quale è per te il significato di questa canzone?
    Come inserire immagini e formattare il testo
    Se ti registri guadagni punteggio e sarai aggiornato sullo stato della pagina

    Le più visualizzate di Fabrizio De Andrè


    Significato Canzone, allo stesso modo di Wikipedia, è costruito attraverso il libero contributo delle persone che possono chiedere il significato delle canzoni, esprimere il proprio punto di vista sull'interpretazione del testo ed annotare i singoli versi delle canzoni.

    L'intervento può essere fatta anche in forma anonima in modo da potersi esprimere liberamente senza imbarazzi se il tema risulta delicato o se semplicemente non ci si vuole registrare. Le volgarità non necessarie saranno invece rimosse.

    Per chi invece ha intenzione di chiedere il significato di una canzone e/o ha piacere di giocare o di tenere traccia dei propri interventi sono disponibili delle pagine profilo personali e anche delle classifiche che mostrano gli utenti più attivi.

    Ogni consiglio o idea per migliorare è bene accetto.

    Verranno rimosse volgarità non necessarie e se segnalati verranno corretti gli errori o elementi offensivi.

    Per comunicare per il momento è possibile utilizzare Facebook o la pagina di aiuto e delle domande frequenti.