Luci a san siro

Video per il significato della canzone Luci a san siro di Roberto Vecchioni

Richiesto da Lud

Pubblicato 26 settembre 2014

Ultima interpretazione 27 febbraio 2023

Interventi 3 · Visualizzazioni 0 · Annotazioni 0

Significato più votato

Luci a San Siro è un racconto che sa di nostalgia, freddo, calcio e nebbia. Luci a San Siro è l'aria che si respira di inverno a Milano anche oggi. Un cielo grigio fatto di sogni e cinismo. Nello specifico è il racconto forse autobiografico di Vecchioni stesso. È il racconto di un autore di canzoni al quale vengono fatte richieste di scrivere le classiche canzoni che possiedono un appeal commerciale. Parlare di amore di donne. L'autore risponde che se per parlare di una donna può parlare solo di una donna. Quella che ha profondamente amato. Poi l'autore si perde per l'appunto nella descrizione di questo amore consumato e probabilmente non corrisposto ("non importa se lei c'è stata o non c'è stata non ci importa" gli rispondoni i suoi promotori). Nel raccontare tutto ciò Vecchioni utilizza immagini poetiche che rimandano a questo amore perduto e allo stesso tempo incrocia l'amarezza di un mondo musicale che gli chiede di scrivere canzoni non per sentimento ma per fare danè. All'interno del testo e della musica si sente tutto il carico di nostalgia ("milano ridammi indietro la mia seicento, i miei ventanni e la ragazza che tu sai") e allo stesso tempo quella nota di concretezza mista ad amarezza e a rassegnazione dell'età adulta ("Milano scusa stavo scherzando, luci a San Siro non ne riaccenderanno più").

Caricamento dei sotto commenti in corso...

San Siro a Milano è/era un classico luogo da rapporti clandestini - prostituzione. 'Luci a San Siro' è una elegia di un amore impossibile e sofferto (probabilmente proprio 'a pagamento'), la cui versione originale non censurata proponeva 'tra le sue gambe' piuttosto che il più riverente 'tra le sue braccia' , e un 'parli di sesso, prostituzione..' piuttosto che 'parli di donne, da buon costume'. Vecchioni approfitta del clima nostalgico per inserirvi una aspra polemica contro la critica musicale del tempo, nonostante siano i sentimenti a prevalere (ed è anche questa la grandezza del testo). Tra le altre cose, è anche particolare pensare che sia spesso interpretato come un inno romantico su Milano, anche se in realtà la città viene praticamente citata solo in accezioni negative (''fa tanto freddo e schifo, e non ne posso più'): in realtà è proprio la confidenzialità dell'autore in un dialogo immaginario con la sua città che ce la fa rendere così vicina e amabile, e poterne quasi scrutare in quella sua nebbia i nostri ricordi e rimpianti.

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Riflessioni…

Mi sono sempre chiesto se è vera che questa interpretazione del finale è autobiografica…
Vecchioni scrisse questa canzone nel 1971 e quindi a 28 anni…
Come poteva avere già nostalgia di una giovinezza finita (Luci a San Siro non ne accenderanno più)?!?…
“Sotto” deve esserci qualcosa che non ho mai capito e forse mai capiremo, ma un’allusione al padre come quella, “decisamente più palese”, de “L’uomo che si gioca il cielo a dadi” (peraltro appartenente allo stesso “album”), forse mi sembrerebbe più coerente a tutto il contesto…
Dunque vedrei tutto l’insieme su due piani distinti (magari controversi!?): una prima parte autobiografica e una seconda “irrisolta”…

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Altre canzoni di Roberto Vecchioni

Testo

Hanno ragione, hanno ragione
mi han detto è vecchio tutto quello che lei fa
parli di donne da buoncostume
di questo han voglia se non l'ha capito già
e che gli dico? guardi non posso
io quando ho amato, ho amato dentro gli occhi suoi
magari anche fra le sue braccia
ma ho sempre pianto per la sua felicità

Luci a San Siro di quella sera
che c'è di strano siamo stati tutti là
ricordi il gioco dentro la nebbia
tu ti nascondi e se ti trovo ti amo là
ma stai barando, tu stai gridando
così non vale è troppo facile così
trovarti, amarti, giocare il tempo
sull'erba morta con il freddo che fa qui

Ma il tempo emigra, mi han messo in mezzo
non son capace più di dire un solo no
ti vedo e a volte ti vorrei dire
ma questa gente introno a noi che cosa fa
fa la mia vita, fa la tua vita
tanto doveva prima o poi finire lì
ridevi e forse avevi un fiore
non ti ho capita, non mi hai capito mai

Scrivi Vecchioni, scrivi canzoni
che più ne scrivi più sei bravo e fai dané
tanto che importa a chi le ascolta
se lei c'è stata o non c'è stata e lei chi è
fatti pagare, fatti valere
più abbassi il capo e più ti dicono di sì
e se hai le mani sporche che importa
tienile chiuse nessuno lo saprà

Milano mia portami via
fa tanto freddo e schifo e non ne posso più
facciamo un cambio prenditi pure quel po' di soldi
quel po' di celebrità
ma dammi indietro la mia seicento
i miei vent'anni ed una ragazza che tu sai
Milano scusa stavo scherzando
luci a San Siro non ne accenderanno più

Altre canzoni

Anna e Marco
Anna e Marco di Lucio Dalla
12 interpretazioni
Terra degli uomini
Terra degli uomini di Jovanotti
11 interpretazioni
Sotto casa
Sotto casa di Max Gazzè
80 interpretazioni
Tensione evolutiva
Tensione evolutiva di Jovanotti
11 interpretazioni
Cuccurucucu
Cuccurucucu di Franco Battiato
37 interpretazioni
La Mia Signorina
La Mia Signorina di Neffa
13 interpretazioni

Significato Canzone, allo stesso modo di Wikipedia,è costruito attraverso il libero contributo delle persone che possono chiedere il significato delle canzoni,esprimere il proprio punto di vista sull'interpretazione del testo ed annotare singoli versi delle canzoni.

Ogni consiglio o idea per migliorare è bene accetto.

Verranno rimosse volgarità non necessarie e se segnalati verranno corretti gli errori o elementi offensivi.

Questo sito è stato costruito e viene mantenuto da Rubynetti.it un team di sviluppatori rails che sviluppa web app con Ruby On Rails e Vue da più di 10 anni.

Significato Canzone è un progetto di Rubynetti.it - Alessandro Descovi
P.IVA 04225940271 - Castello Venezia 3274, 30122 Venezia VE

DigitalOcean Referral BadgeLogo Badge Rubynetti - Sviluppato e programmato da Rubynetti.it