Cosa sono le nuvole?, significato

di Domenico Modugno
Significato della canzone Cosa sono le nuvole? di Domenico Modugno
  • Interventi 1 / Visualizzazioni 68

Significato più votato

Straordinaria allegoria della vita e dell'amore, questo pezzo, scritto da Pasolini e messo in musica da Domenico Modugno è presente in Capricci all'italiana, nell'episodio omonimo firmato dallo stesso Pasolini.

Cosa sono le nuvole è stata incisa per la prima volta nel 1967 nell'album Modugno, che conteneva oltre a questo pezzo Sopra i tetti azzurri del mio pazzo amore, presentata a Sanremo lo stesso anno.
Fonte.

Lo stesso Modugno prese parte alla pellicola nei panni di un immondezzaio/Caronte, in procinto di disfarsi dei corpi esanime di un mucchio di marionette (Totò, Franco Franchi, Ciccio Ingrassia, Ninetto Davoli, Laura Betti, Adriana Asti) fatte a pezzi dal pubblico dell'Otello di Shakespeare, insorto contro la perfidia di Jago.

Interessante la relazione posta tra la regia di Pasolini e la canzone interpretata da Modugno in questa analisi:

"Alla fine dell’opera l’immondezzaio, novello Caronte, carica i corpi di Otello e Jago, uccisi dal pubblico, sullo sgangherato camioncino per portarli in una discarica, insieme al resto della spazzatura e canta una canzone in cui si evidenzia, ancora nella doppia polarità, un modello di comportamento per l’uomo alla ricerca del senso della sacralità della sua esistenza.
Evidenziamo inoltre un’altra dualità: nel testo della canzone, scritta dallo stesso Pasolini e musicata da Domenico Modugno, possiamo apprezzare lo splendido riferimento all’amore soffiato dal cielo: il vento come simbolo e metafora dell’anima (l’ebraico ruah). Sia il vento che l’anima non si vedono ma si possono vedere i loro frutti, le loro conseguenti azioni.
Il testo della canzone non compare nella sceneggiatura, ma è importante ricordare la penultima strofa per la sua coerenza alla riflessione complessiva.

Il derubato che sorride
ruba qualcosa al ladro
ma il derubato che piange
ruba qualcosa a se stesso
perciò io vi dico
finché sorriderò
tu non sarai perduta.

Pasolini è ispirato direttamente dallo stesso Shakespeare che scrive nell’Otello:

Quando non c’è più rimedio è inutile addolorarsi, perché si vede ormai il peggio che prima era attaccato alla speranza.
Piangere sopra un male passato è il mezzo più sicuro per attirarsi nuovi mali.
Quando la fortuna toglie ciò che non può essere conservato, bisogna avere pazienza: essa muta in burla la sua offesa.
Il derubato che sorride, ruba qualcosa al ladro, ma chi piange per un dolore vano, ruba qualcosa a se stesso.
(Otello, atto primo, scena III)


L’invito dell’autore è chiaro: l’uomo deve abituarsi a mettere tutto nella corretta posizione, nel giusto ordine gerarchico delle priorità, senza dimenticare mai il motivo del nostro passaggio sulla terra. Dobbiamo abituarci alla sapienza della pazienza: solo questa può restituirci la solennità della nostra dimensione, la cui comprensione può rendere irrilevante anche la stessa sottrazione di un nostro bene. Quando l’uomo riesce a trasformare un fatto negativo in positivo (cfr. la “resilienza” di Beppe Fenoglio) e a non conferire importanza a fatti comunque trascurabili se giudicati nella complessità cosmica, recupera, attraverso il vero significato della sua esistenza, la comprensione della sua costitutiva sacralità".
Fonte

Immagine dell'utente Bianca Maria | 162 Punti
1 reazione a questo significato

Quale è per te il significato di questa canzone?

Se ti registri verrai aggiornato automaticamente sullo stato della pagina.

Testo

Per annotare clicca e trascina sul testo
Ci sono errori?

Discussioni

Il forum, partecipa, conosci e migliora questa piattaforma.

Significato Canzone, allo stesso modo di Wikipedia, è costruito attraverso il libero contributo delle persone che possono chiedere il significato delle canzoni, esprimere il proprio punto di vista sull'interpretazione del testo ed annotare i singoli versi delle canzoni.

L'intervento può essere fatta anche in forma anonima in modo da potersi esprimere liberamente senza imbarazzi se il tema risulta delicato o se semplicemente non ci si vuole registrare. Le volgarità non necessarie saranno invece rimosse.

Per chi invece ha intenzione di chiedere il significato di una canzone e/o ha piacere di giocare o di tenere traccia dei propri interventi sono disponibili delle pagine profilo personali e anche delle classifiche che mostrano gli utenti più attivi.

Ogni consiglio o idea per migliorare è bene accetto.

Verranno rimosse volgarità non necessarie e se segnalati verranno corretti gli errori o elementi offensivi.

Per comunicare per il momento è possibile utilizzare Facebook o la pagina di aiuto e delle domande frequenti.