Autoipnotica

Video per il significato della canzone Autoipnotica di Caparezza

Richiesto da Francesca monti

Pubblicato 27 ottobre 2017

Ultima interpretazione 30 ottobre 2017

Interventi 2 · Visualizzazioni 0 · Annotazioni 0

Significato più votato

Secondo me, in aggiunta a quanto dice Bianca Maria, in realtà l'autostrada che si scuce è si una metafora, ma non del tutto, nel senso che la lampo che apre la cerniera non è altro che "un vestito" che Caparezza cerca di togliersi.

E qual'è questo vestito? Beh, semplicemente "Caparezza".

Non può tornare indietro poiché (come supportato da diverse sue dichiarazioni), seppur si sia chiesto come sarebbe stata la sua vita se avesse scelto qualunque altra strada (comunque sottolineando che tutto lo riconduceva ugualmente alla musica), egli si è probabilmente accorto che il vestito di "Caparezza" ormai gli sta stretto, crede ormai di averlo espresso completamente (i famosi cassetti vuoti, ovvero qualunque aspetto di se, non necessariamente/solamente sogni, nei cassetti di solito si tengono gli oggetti a cui teniamo particolarmente).

Per cui la sua strada (quella da cui non può tornare indietro) sarà comunque la musica, ma, a mio avviso, sarà musica che, evadendo "Caparezza" da "Michele", probabilmente prenderà forma e vita in un probabile "terzo incomodo" (il che spiegherebbe anche perché, in "Prisoner 7o9" sottolinea come "la gente ascolta la musica/non ascolta la coerenza").

A tal proposito, esprimo anche la mia personale opinione a riguardo: tutti si sono convinti che la prigione dalla quale Caparezza evade sia una prigione causata principalmente dalla sua maturità umana o dal problema dell'acufene che lo affligge, in realtà io credo che la vera evasione sia di Caparezza da Michele, che sente l'esigenza artistica di esprimersi musicalmente, ma sotto altri suoni/forme

Per supportare questa mia tesi, prendo a riferimento sia l'ultima traccia "Prosopagno Sia!" e i suoi vari significati, sia il messaggio criptato al minuto 7:09 di quest'ultima traccia, in cui scrive, tra le altre cose "Scriverò un testo/mi farà stare bene/No! Non è vero/mi viene già da vomitare/ 7o9 forever), io credo che Michele Salvemini creerà un'altro personaggio dal nome di 9 lettere, che probabilmente esplorerà la musica elettronica strumentale. 

Per quanto riguarda l'incertezza di Bianca Maria sul riferimento ai confratelli, credo di poterlo spiegare, poiché essendo compaesano di Caparezza ho colto al volo il riferimento: ho traumi sulle spalle/come i confratelli che hanno su le statue va letto sia nel senso delle varie confraternite religiose che, durante la settimana santa portano in processione le varie statue a Molfetta, sia (quasi autoriferendosi alla canzone "La caduta di Atlante") al peso del "mondo" che porta sulle sue spalle, ma in questo caso credo più plausibile al "Mondo di Caparezza", che non quello di Michele. Oppure, il peso che Michele deve sopportare, per portarsi sulle spalle la statua di Caparezza. A supporto della mia teoria spiegata sopra, prendasi a riferimento, credo il più lampante, la frase "ho così tante influenze che mi ammalerei se tentassi il ritorno in me". Più chiaro di così!

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Nel capitolo L'evasione, il viaggio diventa l’entrare dentro se stessi, anzichè fuggire, come il concetto di evasione suggerirebbe. Con questo meraviglioso ossimoro si apre il testo di uno dei brani dell’ultimo album di Caparezza, Prisoner 709. Perchè entrare dentro se stessi e conoscersi è in sintesi l’atto di liberarsi dalla propria stessa prigione.

Già dal titolo che evidenzia un grande contrasto tra l’uscire fuori e raccogliersi dentro, mi sembra che Caparezza voglia sottolineare come lo stato mentale non sia altro che un equilibrio tra due corsie, tra due direzioni (l’andare avanti e il tornare indietro? Potremmo leggere dando all’immagine un significato di tempo lineare).
E infatti fin dalla prima strofa c’è proprio questa fatidica consapevolezza, del non poter tornare indietro, del rendersi conto (forse per la prima volta) che questa autostrada che è la vita ha solo una direzione. Infatti pur trovandosi a cavallo di due carreggiate non c’è il problema di una direzione contraria.

La spazzola oscilla, ecco il primo chiaro segno del procedere dell’ipnosi che segna la separazione tra la prima strofa, dove in fondo Caparezza mi sembra ancora cosciente e l’inizio del viaggio dentro se stesso.
Nelle sedute di ipnosi, training autogeno etc, capita di frequente che, per indurre uno stato di rilassatezza che consente poi di procedere nel viaggio dentro di sè, il conduttore suggerisca di immaginare una strada, un percorso da intraprendere.

La prima immagine che vediamo è una collina piena di cassetti vuoti. I sogni nel cassetto si sono esauriti? Sono stati già tutti esauditi oppure è tanta la delusione, l’apatia esistenziale da non voler più sognare? Rimangono solo degli involucri vuoti come le crisalidi delle farfalle, scheletri di creature che hanno già subito una trasformazione e che lasciano qui solo i segni abbandonati di quel che si è evoluto altrove.
Si supera una prima fase annebbiata, fosca ed ecco apparire i mostri. Ma cosa sono questi mostri? Sono i segni dell’infanzia che albergano ancora vivi e nutriti in questa sezione della mente di Caparezza. Qui la nota critica secondo me va a certi bombardamenti televisivi che i figli nati tra la fine dei ’70 e i primi ’80 hanno subito in massa. Mary Poppins per Caparezza, a me vengono in mente le infinite repliche di Marcellino Pane e Vino o di Shirley Temple.

Anche là dove in apparenza Caparezza crede che ci sia tranquillità (il mare calmo), in realtà secondo questa prospettiva di indagine dell’inconscio, ci sono traumi nascosti, celati, sostituiti da immagini positive e pacifiche votate a tranquillizzare e a consentirgli di vivere una vita tutto sommato accettabile. Un’infanzia costellata di piccoli grandi traumi dunque, dall’ uomo nero (Boogeyman), a Gesù morto (la religione?)


(Boogeyman)

Qui il riferimento ai confratelli non mi è chiaro: Ho traumi sulle spalle, come i confratelli che hanno su le statue soprattutto perchè ho l’impressione che questo verso si richiami a quello successivo che fa riferimento ai monumenti: Sono un gabbiano che ride dopo averla fatta sul mio monumento. Magari sto cercando troppi significati, voi cosa ne pensate?

Questa ricerca nel profondo del proprio inconscio porta allo sgretolamento dell’intera esistenza. Quello che si è creduto essere le proprie direzioni, le proprie convinzioni e punti fermi. Infatti l’autostrada per Caparezza si scuce.
Un’immagine bellissima: me la figuro proprio questa autostrada le cui linee, come imbastiture, iniziano a saltare, stralciando qualsiasi tracciato certo e ridisegnando completamente lo scenario. Giunti a questo livello del viaggio non esistono più strutture precostituite.

La lingua diviene il linguaggio stesso dell’inconscio.
Non più le sintassi e le parole apprese a scuola, ma pure e libere associazioni di idee irriducibili al solo piano razionale della comunicazione. Immagini appunto. E la difficoltà comunicativa di chi è abituato a esprimersi solo attraverso la mediazione razionale è a questo punto immensa. Il viaggio si fa lento, ferraginoso, la sensazione è di sentirsi scossi, sepolti. La tentazione più forte è di scappare, fare dietro front e invertire la marcia.

Arrendersi di fronte a questo stuolo di fantasmi, di sensazioni sgradevoli, di sovvertimenti di senso cui si è ora preda.
Il proprio stesso inconscio, ci dice Caparezza in chiusura, diventa come qualcun altro al di fuori di noi stessi che ci insegue, che ci vuole. Bella questa metafora, perchè in qualche modo è proprio quello che accade: i pezzi di noi che non abbiamo avuto la forza, il coraggio o il tempo di guardare sono quelle stesse immagini che continuano a tornare in superficie inseguendoci.

Caparezza sembra alla fine scegliere di proseguire il viaggio, accelerare e procedere in questa ricerca tra fantasmi, dolori, aspetti inspiegabili e sogni infranti, per liberarsi dalla sua stessa prigione.

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Altre canzoni di Caparezza

Testo

Caparezza compie un viaggio nel suo inconscio ma “la mia macchina è un cursore sulla lampo di una linea tratteggiata” (si riferisce a stare in mezzo a due carreggiate?) e tutto il resto?

Altre canzoni

Tensione evolutiva
Tensione evolutiva di Jovanotti
11 interpretazioni
Diamonds
Diamonds di Rihanna
1 interpretazioni
Maracaibo
Maracaibo di Lu Colombo
5 interpretazioni
La Mia Signorina
La Mia Signorina di Neffa
13 interpretazioni
Terra degli uomini
Terra degli uomini di Jovanotti
11 interpretazioni

Significato Canzone, allo stesso modo di Wikipedia,è costruito attraverso il libero contributo delle persone che possono chiedere il significato delle canzoni,esprimere il proprio punto di vista sull'interpretazione del testo ed annotare singoli versi delle canzoni.

Ogni consiglio o idea per migliorare è bene accetto.

Verranno rimosse volgarità non necessarie e se segnalati verranno corretti gli errori o elementi offensivi.

Questo sito è stato costruito e viene mantenuto da Rubynetti.it un team di sviluppatori rails che sviluppa web app con Ruby On Rails e Vue da più di 10 anni.

Significato Canzone è un progetto di Rubynetti.it - Alessandro Descovi
P.IVA 04225940271 - Castello Venezia 3274, 30122 Venezia VE

DigitalOcean Referral BadgeLogo Badge Rubynetti - Sviluppato e programmato da Rubynetti.it