Significato Ti regalerò una rosa

di Simone Cristicchi
Significato della canzone Ti regalerò una rosa di Simone Cristicchi
  • Richiesto da Serena Basili
  • Interventi 6 / Visualizzazioni 9399

Significato più votato

Io credo che sia piuttosto evidente quale sia il significato della canzone. Cristicchi, prendendo spunto da ex manicomi che ha visitato e da racconti autentici narratigli da gente che ha realmente vissuto quell'inferno, impersona un uomo, una volta sano di mente, che si ritrova a scrivere una lettera d'addio dopo quarant'anni passati in manicomio. Lui dice "credevo di parlare col demonio, così mi hanno rinchiuso quarant'anni dentro a un manicomio". Tutti noi da piccoli abbiamo creduto in fantasie, detto cose senza senso, inventato giochi per puro divertimento, è la logica di un bambino, una cosa normalissima. Ebbene Antonio è stato rinchiuso per questo, un banale pensiero "fanciullino" e dopo 40 anni, "vive" ancora lì. Già questo è pura follia! All'interno del manicomio aveva evidentemente incontrato una donna che, sana di mente quanto lui, si rendeva conto dell'inganno recatogli, condividendo con lui i suoi pensieri. Penso che lei fosse l'unica cosa che rendeva quel posto sopportabile ad Antonio. Questo mostra che la forza dell'amore supera ogni cosa o dimensione, luogo o età, regola e convinzione. Ma l'amata, Margherita, viene fatta uscire dal manicomio, e Antonio l'aspetta, per vent'anni. In realtà questa è una cosa assai triste, perchè se lei lo avesse amato veramente avrebbe fatto il possibile per stare con Antonio e liberarlo. C'è chi ipotizza che semplicemente non ci sia riuscita, chi dice che la gioia e il potere della libertà l'hanno "costretta" a lasciarsi il passato alle spalle, e poi c'è chi dice che in realtà lei non è affatto uscita da quel luogo infernale, almeno non morta. Quest'ipotesi mi turba molto, ma effettivamente, è possibile. Se lei si fosse suicidata, anticipando la mossa di Antonio, o se provando a scappare fosse stata uccisa? Ci sono infinite ipotesi, anche quella che lei sia stata messa in isolamento, fatta tacere e marcire per l'eternità! L'ultima cosa a cui si può pensare, inoltre, è che lei non sia mai esistita. In fondo, sappiamo benissimo che lui è diventato pazzo veramente solo stando in quel posto, forse l'unica spiegazione è che ha avuto allucinazioni, che il suo folle e disperato bisogno e desiderio di affetto, di libertà, di compagnia, l'abbia lacerato a tal punto di inventare tutto nella propria testa. Comunque.. chiunque sia Margherita, la cosa importante è ciò che Antonio le dice. Cristicchi scrive "ti scrivo questa lettera perchè non so parlare, perdona la calligrafia da prima elementare", e questo fa capire che gli è stata negata l'infanzia in questo modo. Dice "i matti sono punti di domanda senza frase, migliaia di astronavi che non tornano alla base, sono dei pupazzi stesi ad asciugare al sole, i matti sono apostoli di un Dio che non li vuole. Mi fabbrico la neve col polistirolo, la mia patologia è che son rimasto solo, ora prendete il microscopio e misurate le distanze, guardate tra e voi.. chi è più pericoloso?". Ed è proprio qui, in queste frasi, che lui dà sfogo al suo pensiero, a tutto quello che per quarant'anni si è tenuto dentro. I "matti" sono coloro che hanno perso un po' di loro stessi, che si sentono incompleti, che hanno paura, sono i burattini di tutti quelli a cui fa comodo muovere i fili, è nella tristezza della loro prigionia, che essi perdono la ragione, si sentono soli, rifiutati persino da Dio. E nella loro solitudine si annidano, perdendo ogni speranza. E in questo miserabile stato, cosa li rende più pericolosi della gente "normale", convinta di essere il boia della società? Assolutamente niente. Siccome ho già scritto troppo cercherò di concludere dicendo che Antonio stesso (forse deluso dall'abbandono da parte di Margherita?) si sente sorpreso dal suo perseverante amore verso di lei, e l'incapacità di raggiungerla, lo spinge infine, a togliersi la vita. Ma la sua vita non era mai iniziata, gli era stata negata, e io credo, che invece che piangere, buttandosi nel vuoto Antonio forse avrebbe avuto un sorriso di quelli radiosi, nella speranza di una nuova vita; ridere della morte perchè è l'unica arma per liberarsi di se stessi e del mondo in cui si è imprigionati, la sua salvezza, e il raggiungimento, forse, di Margherita.
Spero di esservi stata utile, ho solo 14 anni, ma ho diritto anch'io di esprimere quello che penso! Comunque io amo questa canzone, ci sto facendo la mia tesina, quindi ringrazio anche coloro che hanno scritto quei bei commenti prima di me!

Immagine dell'utente Claudia Claudia 65 Punti
22 persone trovano utile questo significato
Immagine dell'utente Mariangela ferrarini
Mariangela ferrarini
ferrarinimariangela@gmail.com
Immagine dell'utente Anonimo
Anonimo
PURE IO STO FACENDO LA TESINA, GRAZIE PER IL TUO CONTRIBUTO :)
Immagine dell'utente Anonimo
Anonimo
Grande cugino,bravissima persona
Immagine dell'utente Erminio
TOP non sarei mai riuscito a scrivere una cosa così, anch' io sto facendo una tesina a riguardo sei stata molto utile :)
  • Questa canzone è molto toccante e ricca di significato. Ciò che vuole essere comunicato si capisce, ed anche tanto. Parla di una lettera che un pazzo, di nome Antonio, scrive alla persona che ama. Lui è rinchiuso da un manicomio fin da bambino e ci fa capire come un pazzo possa sentirsi solo e disperato dopo una vita rinchiuso in una cella umida e buia. I matti sono punti di domanda senza frase Migliaia di astronavi che non tornano alla base Sono dei pupazzi stesi ad asciugare al sole I matti sono apostoli di un Dio che non li vuole Mi fabbrico la neve col polistirolo La mia patologia è che son rimasto solo Ora prendete un telescopio… misurate le distanze E guardate tra me e voi… chi è più pericoloso? Con i precedenti versi, Cristicchi ci spiega come può sentirsi un pazzo ed, alla fine, c'è una riflessione. E' più pericoloso un uomo pazzo od un uomo "normale"?
    Mi chiamo Antonio e sto sul tetto Cara Margherita son vent'anni che ti aspetto I matti siamo noi quando nessuno ci capisce Quando pure il tuo migliore amico ti tradisce Ti lascio questa lettera, adesso devo andare Perdona la calligrafia da prima elementare E ti stupisci che io provi ancora un'emozione? Sorprenditi di nuovo perché Antonio sa volare Anche con questi ultimi versi ci illustra che un pazzo ha dei sentimenti e che non è un fallito od un uomo da buttare via.

    Immagine dell'utente Tizifan BimbaDentro Tizifan BimbaDentro 524 Punti
    12 persone trovano utile questo significato
    Immagine dell'utente Anonimo
    Anonimo
    Giustissimo
  • Su wikipedia c'è la completa spiegazione della canzone con relativo commovente e toccante significato

    La canzone consiste nella lettera che un pazzo, Antonio, scrive alla sua amata Margherita dalle celle luride e buie del manicomio dove è chiuso, del quale anche lei è stata ospite per qualche tempo. Perfino in quell'ambiente tetro e disperato però è riuscito a sbocciare un amore. Nonostante certe intemperie, Antonio non dimentica quei pochi momenti nei quali si sentiva vivo, uomo, in quanto poteva amare. Per liberarsi di tanto dolore, per ritrovare l'illusione di una libertà inesistente, non resta che stupire ancora una volta la sua Margherita, con un ultimo volo. Cristicchi ha affermato di aver trovato l'ispirazione per scrivere il brano nella cittadina di Girifalco, in Calabria, dove sorge un imponente manicomio. Qui, colpito dal viavai dei pazienti dell'istituto, ha deciso di realizzare un viaggio per gli ospedali psichiatrici d'Italia.[1] All'autore, che ha sintetizzato in questo struggente testo le storie raccontategli realmente dai pazienti degli istituti psichiatrici da lui visitati per il documentario Dall'altra parte del cancello, Ti regalerò una rosa è valsa il primo premio nella sezione Campioni del 57º Festival di Sanremo, il "Premio della Critica Mia Martini", e il Premio Sala Stampa Radio-Tv.

    Immagine dell'utente Zaccaria Zaccaria 74 Punti
    5 persone trovano utile questo significato
  • Putroppo la canzone prende spunto da una storia vera e allora i manicomi erano dai luoghi dove entravi facilmente (bastava un semplice esaurimento nervoso) ma diffcilmente uscivi. Canzone bella, ma non certo commerciale, eppure, incredibile, riuscì a vincere Sanremo 2007. Bravo Cristicchi uno degli atristi più interssanti del nuovo millennio. Altro che Fedez

    Immagine dell'utente Piersilvio Piersilvio 26 Punti
    2 persone trovano utile questo significato
  • Concordo con quello scritto dalle persone che mi hanno preceduto. Prima della riforma Basaglia i manicomi erano luoghi dove non entravano solo persone effettivamente pazze e pericolose, ma anche persone normali. Infatti per entrare bastava avere anche solo un esaurimento o una depressione. Una volta entrato/a non sapevi se e quando saresti uscito/a. E una volta usciti visto il tipo di "cure" che ricevevi (anche elettroshock) non stavi certo meglio. Cristicchi ha visitato diversi ex manicomi in uno dei quali ha trovato una lettera che gli ha dato lo spunto per la canzone. Una delle poche canzoni con un testo difficile e non d'amore a vincere Sanremo.

    Immagine dell'utente Alessandro67 Alessandro67 795 Punti
    1 persona trova utile questo significato
  • Secondo me Antonio si riferisce alla persona che ama che la aspetta da 20 POI parla degli altri cioè dice che i pazzi sono com'è persone normali

    Immagine dell'utente Marianna Marianna 4 Punti
    -
  • Quale è per te il significato di questa canzone?
    Come inserire immagini e formattare il testo
    Se ti registri verrai aggiornato automaticamente sullo stato della pagina.
    Testo
    Per annotare clicca e trascina sul testo

    Utenti online in questo momento: 20

    Significato Canzone, allo stesso modo di Wikipedia, è costruito attraverso il libero contributo delle persone che possono chiedere il significato delle canzoni, esprimere il proprio punto di vista sull'interpretazione del testo ed annotare i singoli versi delle canzoni.

    L'intervento può essere fatta anche in forma anonima in modo da potersi esprimere liberamente senza imbarazzi se il tema risulta delicato o se semplicemente non ci si vuole registrare. Le volgarità non necessarie saranno invece rimosse.

    Per chi invece ha intenzione di chiedere il significato di una canzone e/o ha piacere di giocare o di tenere traccia dei propri interventi sono disponibili delle pagine profilo personali e anche delle classifiche che mostrano gli utenti più attivi.

    Ogni consiglio o idea per migliorare è bene accetto.

    Verranno rimosse volgarità non necessarie e se segnalati verranno corretti gli errori o elementi offensivi.

    Per comunicare per il momento è possibile utilizzare Facebook o la pagina di aiuto e delle domande frequenti.