La leggenda del Piave

Video per il significato della canzone La leggenda del Piave di Ermete Giovanni Gaeta

Richiesto da Francesco Piselli

Pubblicato 02 maggio 2013

Ultima interpretazione 27 gennaio 2014

Interventi 2 · Visualizzazioni 789 · Annotazioni 0

Significato più votato

L'esercito italiano, già reduce dalla sconfitta di Caporetto nel 1918 fu attaccato sul fronte del Piave dalla Landwehr (l'esercito imperiale austriaco). Qui però una provvidenziale piena del fiume diede inizio alla resistenza delle Forze armate del Regno d'Italia che costrinsero gli Austro-ungarici a ripiegare.

Infine nella battaglia di Vittorio Veneto, a partire dal fronte del Piave gli Italiani sfondarono le linee nemiche.

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Nella notte tra il 23 e il 24 maggio del 1915 l’Italia entrava in guerra: era l’occasione per completare il processo di unità nazionale e liberare il Trentino e la Venezia Giulia dal dominio austriaco. Il nostro esercito, nel marciare coraggioso e silenzioso verso la frontiera con l’Austria, passò sul fiume Piave, che espresse poeticamente la sua gioia con il tripudio delle onde.

24 ottobre del 1917, il nemico ruppe il fronte orientale italiano a Caporetto; tutte le nostre forze ebbero l’ordine di arretrare onde evitare l’accerchiamento. Le perdite furono pesanti e ad esse si accompagnarono le polemiche. Si dovettero richiamare le riserve e arruolare i giovani di 18 anni, classe 1899, che per il valore ed il coraggio dimostrato meritarono l’appellativo di “classe di ferro”. Il Piave divenne il simbolo della Patria che fu difesa con rinnovata determinazione sotto la guida del Gen. Armando Diaz.

Sulla nuova frontiera Monte Grappa-Piave si decidevano le sorti della guerra. La poderosa offensiva scatenata dagli austriaci nel giugno 1918 cozzò contro l’eroica resistenza degli italiani; le divisioni nemiche dovettero “ripassare in disordine il Piave, sconfitte e incalzate dalle nostre valorose truppe” come si espresse nel bollettino di guerra il Gen. Diaz. La battaglia del Piave è stata una delle più gloriose della storia d’Italia: costò all’Austria 150.000 uomini e fu l’inizio della sconfitta. Gli austriaci e gli alleati tedeschi videro “cadere come foglie morte” nelle acque del Piave le loro speranze di vittoria, come scrisse il comandante tedesco Ludendorff dopo la guerra.

Il 24 ottobre 1918, proprio nel giorno anniversario della sconfitta di Caporetto, l’esercito italiano lanciò una massiccia e generale offensiva che portò alla vittoria dell’Italia, chiamata di Vittorio veneto, dal luogo dove avvenne per prima lo sfondamento delle linee nemiche. L’avanzata italiana fu travolgente; dopo aver catturato centinaia di migliaia di prigionieri, il 3 novembre le truppe italiane entrarono in Trento e Trieste. Lo stesso giorno l’Austria si arrese e firmò l’armistizio, che sanciva la cessazione della guerra per il 4 novembre. Solo allora si placarono le acque del Piave, quando furono sconfitti gli imperi oppressori e la Pace trovò gli italiani liberi sul patrio suolo, dalle Alpi al mare.

Questa la Grande Storia condensata nella “Leggenda del Piave”, la Storia di una guerra non di offesa ma di difesa della Patria, sostenuta dal popolo e valorosamente combattuta da nostri soldati per il completamento dell’unità d’Italia.

Caricamento dei sotto commenti in corso...

Altre canzoni di Ermete Giovanni Gaeta

    Testo

    Per un uomo al lavoro
    con il caldo implacabile di luglio
    ti do il rosso sbadiglio
    di un papavero senza utilità
    per due conti sbagliati
    ecco un conto che torna
    per il nero che annulla
    ecco il blu che scontorna
    Per un uomo di cuore
    ti darò un cuore senza uomo
    se ne senti il bisogno
    lo darai a chi ancora non ce l'ha
    per due anime perse
    solamente un'anima buona
    per un uomo spietato
    niente che lo perdona

    tutto quello che vedi
    tutto quello che c'è
    non ti serve un nemico
    se un amico sono per te
    già possiedo ogni cosa
    ma ne voglio avere di più
    già possiedo ogni cosa
    però voglio quello che hai tu
    ...tutto quello che hai tu

    Per il volo malato
    di avvoltoi che girano intorno
    posso darti il ritorno
    da ogni viaggio che invece non ce l'ha
    per due uomini sani
    posso darti un uomo ferito
    anche se nel frattempo
    sarà morto oppure guarito

    tutto quello che vedi
    tutto quello che c'è
    non ti serve un nemico
    se un amico sono per te
    già possiedo ogni cosa
    ma ne voglio avere di più
    già possiedo ogni cosa
    però voglio quello che hai tu
    ...solo quello che hai tu

    Altre canzoni

    Anna e Marco
    Anna e Marco di Lucio Dalla
    12 interpretazioni
    Cuccurucucu
    Cuccurucucu di Franco Battiato
    37 interpretazioni
    Maracaibo
    Maracaibo di Lu Colombo
    5 interpretazioni
    Tensione evolutiva
    Tensione evolutiva di Jovanotti
    11 interpretazioni
    L'essenziale
    L'essenziale di Marco Mengoni
    11 interpretazioni
    Diamonds
    Diamonds di Rihanna
    1 interpretazioni

    Significato Canzone, allo stesso modo di Wikipedia,è costruito attraverso il libero contributo delle persone che possono chiedere il significato delle canzoni,esprimere il proprio punto di vista sull'interpretazione del testo ed annotare singoli versi delle canzoni.

    Ogni consiglio o idea per migliorare è bene accetto.

    Verranno rimosse volgarità non necessarie e se segnalati verranno corretti gli errori o elementi offensivi.

    Questo sito è stato costruito e viene mantenuto da Rubynetti.it un team di sviluppatori rails che sviluppa web app con Ruby On Rails e Vue da più di 10 anni.

    Significato Canzone è un progetto di Rubynetti.it - Alessandro Descovi
    P.IVA 04225940271 - Castello Venezia 3274, 30122 Venezia VE

    DigitalOcean Referral BadgeLogo Badge Rubynetti - Sviluppato e programmato da Rubynetti.it