Anna e Marco
di

Interpretazioni
Quale è secondo te il significato di questa canzone?
Come inserire immagini e formattare il testo
Se ti registri guadagni punteggio e sarai aggiornato sullo stato della pagina

Anna e Marco sono due giovani ragazzi che vivono in un paese di periferia. Entrambi possiedono sogni e angoscie che vorrebero portarli lontani dal loro paesino.

Si incontrano in una discoteca. Ballano. "Si scambiano la pelle". Sarà poi un semplice abbaiare di un cane a riportare entrambi sulla terra.

Immagine dell'utente Carlo Car 169 punti
13 persone trovano utile questo significato
  • Anna e Marco sono due giovani di periferia scontenti e insoddisfatti della propria vita. I due quasi per caso si incontrano in una discoteca. Dopo aver ballato insieme(ed essersi innamorati) escono dal locale. Vi è un istante di totale magia che termina quando un cane abbaia. La coppia fa ritorno in periferia libera dal malessere dell'inizio del brano.. Infatti la canzone dice "Anna avrebbe voluto morire, Marco voleva andarsene lontano, qualcuno li ha visti tornare tenendosi per mano" ciò indica che il loro amore ha risolto i problemi.

    9 persone trovano utile questo significato
    Anonimo: ottimo commento
    Anonimo: decisamente negativo...Anna e Marco quando ballano e si scambiano la pelle già sono fidanzati...nn si conoscono in disco
    Anonimo: decisamente negativo
  • È una poesia in ogni sua parola....Anna e Marco siamo tutti noi o lo siamo stati

    4 persone trovano utile questo significato
    Anonimo: ottimo molto utile
    Anonimo: E' vero, c'è un po' di Anna & Marco in tutti noi, in qualsiasi tempo e luogo viviamo... E per tutti noi c'è una "America dall'altra parte della Luna"... che ognuno, sospeso tra sogni e realtà, a modo suo raggiungerà.
  • Ogni volta che ascolto questo brano così importante per me, proprio perché mi s'è stampato nell'anima dalla prima volta che lo sentii per radio, è come se mi chiedessi di nuovo che significato ha, di chi o cosa parla... da cosa è nato e com'è finita davvero la "storia" che racconta... E' un'emozione magica e senza tempo ogni volta, dunque.

    "Anna e Marco" è nella forma "esterna" il racconto semifiabesco di due ragazzi come tanti la cui vita ha tanti vuoti da riempire coi sogni, col desiderio e la necessità sia di emigrare sia di vivere un'avventura romantica fuori dalla realtà quotidiana che li consuma ogni giorno di più. Due ragazzi che quasi si amano perché non hanno altro modo per sopravvivere a tutto ciò. Ma allo stesso tempo Anna e Marco sono la metafora dei contrasti e delle armonie che continuamente caratterizzano nel profondo dell'intimità ognuno di noi, chiunque.

    L'atmosfera del brano è molto naif, semplice e intensa, ma allo stesso tempo raffinata ed inafferrabile, un po' la celebrazione dell'eterna malinconia e un po' un inno timido ma verace alla speranza. Inoltre nel giro di pochi minuti, in cui prevale più la musica che il testo, viene narrato tutto l'arco della loro vicenda, che sublima nel ballo in una sera qualunque di fortuita allegria (in un locale che però è uno schifo ma meglio di niente) durante la quale sfuma tra sogno e realtà la distanza tra la loro unione e il resto del mondo.

    Ecco che dunque il brano è tanto il riassunto di una storia verosimile quanto una dolceamara ode al tempo della vita umana, il quale pur sembrando interminabile e lentissimo di colpo trasforma la descrizione d'una serata d'amore nella lontana memoria preziosa della stessa.

    Ciao Anna e Marco, chiunque voi siate e dovunque siate ora v'auguro soltanto la libera ed eterna felicità.

    2 persone trovano utile questo significato
    Alessandro67: Lucio scrisse Anna e Marco dopo aver visto il film "La febbre del sabato sera" Alla fine degli anni 70 anche in Italia c'erano le discoteche e anche i giovani italiani sentivano il vuoto e la noia come i giovani americani rappresentati dal personaggio di Tony Manero. Così Dalla penso a una "Febbre del sabato sera" de "noialtri" più casereccia. Niente enormi discoteche piene di effetti speciali come l'odissey con ballerini bravissimi come Tony e Stephanie nel film, ma "Anna bello sguardo che non perde un ballo, Marco che a ballare sembra un cavallo in un locale che è uno schifo, c'è una checca che fa il tifo" Dalla conclude la canzone con i giovani che forse trovano la risposta al loro vuoto esitenziale nel loro amore "anna avrebbe voluto morire, Marco avrebbe voluto andare lontano, qualuno li ha visti tornare tendosi per mano"
  • Anna nel suo personale mondo dei sogni aspira a diventare qualcuno un giorno,marco ragazzo che ormai so trova in ristrettezze economiche vuole scappare dai suoi problemi.Nel locale basta un ballo,un bacio a farli innamorare ma la felicità è purtroppo estranea al loro futuro. La luna che nella canzone tutto vedeva e sapeva,rappresenta proprio il loro destino. Il quale si fa vedere ai due giovani sotto forma di cane per la strada che abbaia e va via. I due in moto sorpresi cadono. La fine di marco e anna insieme tenendosi per mano.

    1 persona trova utile questo significato
  • L'amore è una cosa semplice e Anna e Marco lo hanno dimostrato......

    1 persona trova utile questo significato
    Anonimo: interessant ma non hai il fattore x che cerchiamo
  • Anna Marco fu scritta da Lucio dopo aver visto il film "la febbre del sabato sera" (e cominciano a volare con tre salti sono fuori dal locale
    con un aria da commedia americana sta finendo anche questa settimana) Anche in Italia, alla fine degli anni 70, c'era la moda delle discoteche. Così Dalla pensò a una febbre del sabato sera de "noialtri" molto più provinciale. Niente enormi discoteche piene di effetti speciali e ballerini bravissimi come nel film, ma "Anna bello sguardo non perde un ballo Marco che a ballare sembra un cavallo in un locale che è uno schifo
    poca gente che li guarda c'è una checca che fa il tifo" il loro vuoto esistenziale "Anna bello sguardo sguardo che ogni giorno perde qualcosa
    Se chiude gli occhi lei lo sa stella di periferia Anna con le amiche
    Anna che vorrebbe andar via .....Marco cuore in allarme con sua madre e una sorella poca vita, sempre quella" forse verrà riempito dal loro amore "Anna avrebbe voluto morire Marco voleva andarsene lontano Qualcuno li ha visti tornare tenendosi per mano."

    76 punti
    0 voti
  • Quale è secondo te il significato di questa canzone?
    Come inserire immagini e formattare il testo
    Se ti registri guadagni punteggio e sarai aggiornato sullo stato della pagina

    Testo
    Per annotare il singolo verso clicca e trascina sul testo

    Anna come sono tante
    Anna permalosa
    Anna bello sguardo
    sguardo che ogni giorno perde qualcosa
    Se chiude gli occhi lei lo sa
    stella di periferia
    Anna con le amiche
    Anna che vorrebbe andar via

    Marco grosse scarpe e poca carne
    Marco cuore in allarme
    con sua madre e una sorella
    poca vita, sempre quella
    Se chiude gli occhi lui lo sa
    lupo di periferia
    Marco col branco
    Marco che vorrebbe andar via

    E la luna è una palla ed il cielo è un biliardo
    quante stelle nei flipper sono più di un miliardo
    Marco è dentro a un bar
    non sa cosa farà
    poi c'è qualcuno che trova una moto
    si può andare in città

    Anna bello sguardo non perde un ballo
    Marco che a ballare sembra un cavallo
    in un locale che è uno schifo
    poca gente che li guarda
    c'è una checca che fa il tifo
    Ma dimmi tu dove sarà
    dov'è la strada per le stelle
    mentre ballano si guardano e si scambiano la pelle

    E cominciano a volare
    con tre salti sono fuori dal locale
    con un aria da commedia americana
    sta finendo anche questa settimana
    Ma l'America è lontana
    dall'altra parte della luna
    che li guarda e anche se ride
    a vederla mette quasi paura

    E la luna in silenzio ora si avvicina
    con un mucchio di stelle cade per strada
    luna che cammina
    luna di città
    poi passa un cane che sente qualcosa
    li guarda, abbaia e se ne va

    Anna avrebbe voluto morire
    Marco voleva andarsene lontano
    Qualcuno li ha visti tornare
    tenendosi per mano.