Cara di

  • Richiesto Anonimo
  • Interventi 13 / Visualizzazioni 19887
Significato più votato

La canzone s'intitolava originariamente "dialettica dell'immaginario"... Pensando a questo titolo risulta più facile comprenderne il significato. Esistono tanti pensieri confusi nella mente di un uomo, il quale dapprima scherza con una ragazza molto più giovane facendo valere il fascino della propria età e con intenzioni non troppo edificanti (..."volevo prenderti per mano e cascare dentro a un letto") poi capisce che potrebbe rimanere coinvolto ("debbo stare attento a non cadere nel vino o finir dentro ai tuoi occhi se mi vieni più vicino) ed inizia ad esserlo ("che pena, che nostalgia non guardarti negli occhi e dirti un'altra bugia"), infine rimane imbrigliato nella sua stessa rete, mentre la giovane ragazza vola spensierata come una farfalla o mangia il gelato mentre lui "sta morendo". Dopo uno slancio d'orgoglio nel quale afferma di non aver approfittato del proprio ascendente quando avrebbe potuto ("ricorda che a quel muro t'avrei potuta inchiodare se non fossi uscito fuori per provare anch'io a volare"), teneramente afferma di non poter fermare le lacrime ridendo e si commisera "raccontandosi" di aver avuto da subito intenzioni serie ("per uno come me, poveretto, che voleva prenderti per mano...e volare sopra un tetto", mentre nella strofa precedente voleva solo cascare dentro a un letto). Quindi paragona tutto ad un sogno, probabilmente lo ha davvero vissuto così travolto dagli eventi, e mette a riposo la sua anima. La mia interpretazione è questa, anche se magari è completamente sbagliata

Raffaele
34 persone trovano utile questo significato
Giovanni: Io c'ero, questa canzone e' la storia di un incontro tra Lucio e qualcuno ben piu' giovane di lui che non poteva o voleva (fate voi) condividere il suo affetto, erano su due onde ben diverse, a proposito, l' ultima frase di questa canzone non l'ha scritta Lucio
  • So benissimo di cosa parla la canzone: e anch'io ci stavo cascando nel vino inciampando nella sua giovinezza.
    L'ho incontrata per caso in una vacanza ed è stato subito il sentimento più violento mai provato.
    Era bellissima, con tanti capelli biondi, la pelle di latte, la gioia di vivere negli occhi azzurri e profondi, sembrava la dea della felicità, impossibile non innamorarsene.
    Spensierata e assetata di vita, quel giorno non ho resistito e l'ho presa per mano e siamo volati insieme, sopra i tetti della terra, abbiamo volato mano nella mano su montagne e ghiacciai, rotolando fra prati e fiori, tornati a valle.
    Nel giorno più denso di emozioni che mai si potesse immaginare, abbiamo provato insieme le sensazioni più intense, forti ed appaganti, senza nessun altro desiderio se non di correre insieme felici, per sentieri, viottoli e strade, liberi da tutto, dai nostri corpi, dai nostri desideri, da noi stessi.
    Quando ci siamo accorti di essere affamati, seduti insieme, non c'è stato bisogno di spostare la bottiglia per capire: avevamo capito tutto già dall'inizio e ci siamo saziati più di sguardi che d’altro; anch’io stavo morendo e lei mangiava il gelato, ma lei lo aveva capito e sapeva che stavo morendo nei suoi occhi. La sua deliziosa risata argentina era la sua corazza.
    La sera, ebbri di gioia e di vita, quando avrei potuto inchiodarla a quel muro, e il desiderio era forte, bruciante e urgente, ho preferito provare a continuare a volare e l'ho riaccompagnata a casa.
    Nemmeno un bacio, una carezza, nulla ci aveva unito, solo gli sguardi felici, e, tenendoci per mano, la voglia di vivere, di correre: incontro alla vita lei, fuggendo dalla vita io.
    Del giorno più bello della mia vita mi resta solo il ricordo bruciante, vivissimo e doloroso, nel quale indugio languidamente, lasciando che la felice malinconia della tristezza di non averla voluta mia, mi consumi lentamente.
    E da quel giorno non ci siamo più rivisti: non l’ho voluta più rivedere proprio per non cadere dentro a un letto.
    Di lei spio furtivamente da un paio d’anni, quando voglio ancora soffrire dolcemente d’amore, qualche foto sul suo social: Dio com’è bella nei suoi vent’anni, gli occhi felici il sorriso dolce e infinito, e dalla tenerezza con cui lo abbraccia si capisce che si amano. Signore fa che siano felici e che lui la ami come io l’ho amata, rispettandola quel giorno, e come la amo ancora con la tristezza dei miei settant’anni.
    Buonanotte anima mia, buonanotte ovunque tu sia.
    La poesia, perché di questo si tratta, nella sua strofa finale, la più triste, è come se lasciasse trascendere un vago desiderio di suicidio, per l’amore impossibile? Per la disperazione? O per gli anni che sono cento … difficile da capire, anche spostando i capelli.
    Ci ho pensato, ma preferisco soffrire continuando ad amare la cosa più bella che la vita mi ha regalato: un giorno, un solo giorno d’immensa felicità ed il cui ricordo mi accompagna rendendomi lieve la fatica di vivere i pochi anni che restano.
    Buonanotte anima mia, buonanotte ovunque tu sia.
    La più bella poesia mai scritta.

    Un vecchio pazzo
    22 persone trovano utile questo significato
    Anonimo: complimenti bellissima...spiegazione/poesia..sono d'accordo con te
    Anonimo: Bellissima questa spiegazione....me la sono immaginata identica...credimi!
    Anonimo: daccordissimo con la spiegazione se non altro per aver provato personalmente cio di cui si parla.....lasciar andare via qualcosa di cui non puoi fare a meno, è così......
    Anonimo: Sei solo un pazzo........come Me!
    Gino: Ce ne vorrebbero di più, di pazzi come te! Descrizione meravigliosa e struggente.
    Anonimo: Uomo unico, sono commossa per tanto amore e tanto dolore.
    Joubert: ... vibro di vita ogni volta che ascolto questa canzone ... il problema e' che non siamo tutti uguali ... ed i "pazzi" a questo mondo si perdono con il tempo che passa purtroppo !!! ;-)
    L'uomo che seppe leggere nel tempo : Quanta verità in queste tue parole, per chi ha vissuto situazioni simili è difficile trattenere un sorriso seguito da una lacrima.
  • Parla dell'amore che non ha tempo, che non ha confini di eta'. Parla di un'uomo che al termine della sua vita si accorge di essersi innamorato di una ragazza molto giovane. Quel sentimento che gli faceva sentire di volare ma si rendeva conto di non poterlo piu' fare.

    bruno giordano
    17 persone trovano utile questo significato
    Anonimo: scrivi megliol l'italiano
    Anonimo: sono d'accordo col significato, ma un uomo si scrive senza apostrofo ;) buon ascolto del grande Lucio!
    Ivana: vecchio pazzo, bello leggere la tua storia ed emozionarmi (grazie!)
  • Non sapevo ci fosse gente che discuteva sul significato di Cara. Cara sono io. Avevo tredici anni. Ho conosciuto Lucio a Montecatini nel 78, durante il suo tour con De Gregori. Avevo mille difficoltà e abbiamo passato la notte a parlare. Mi ha incoraggiata molto. Era una grande persona oltre che un grande artista. Ma voglio restare anonima. Oggi sono 4 anni che Lucio è morto! Mi manca! Ho provato per lui un grande amore che ancora mi accompagna

    Anonimo
    12 persone trovano utile questo significato
    Anonimo: Non ci conosceremo mai ma sappi che mi hai fatto una profonda compagnia da quando avevo anch'io pochi anni. Grazie!
    Anonimo: Spero che questa cosa sia vera per un solo motivo: questa canzone significa così tanto per me, per il mio passato, che sapere che ci sia una storia vera dentro mi fa sentire più vicina al grande Lucio, un poeta che ha cambiato la mia vita.
    Anonimo: Davvero sei tu "Cara"?
  • É una semplice lettera d' amore scritta da un innamorato senza pretese di grandezza,nel senso che riesce a mettere a nudo se stesso svelando tutto l' imbarazzo che determina la presenza e la vicinanza di quella piccola donna. Bellissima...fortunato chi é il destinatario di questa romantica e dolce dedica

    queen
    10 persone trovano utile questo significato
  • La canzone più bella del mondo, l'amore ingenuo e dolce che può crearsi in alcune circostanze in cui non possiamo volare liberi ... Magia

    Ale
    5 persone trovano utile questo significato
  • Per me è un uomo romantico quello che parla, il quale, pur ammettendo la sua età matura e l'esperienza, ha preferito farsi trascinare e forse anche deludere da una bella e giovane farfalla.
    "E così sia" si rassegna alla realtà ma non è pentito.
    Rivive un dolce ricordo.

    Valentina
    3 persone trovano utile questo significato
  • @Raffaele ognuno di noi può trovare nell'interpretazione un qualcosa che lo riguarda. A differenza di "Futura" o "Anna e Marco" non ho trovato interviste di Dalla su questa canzone. Credo che Dalla si sia immedesimato in un uomo che non più ragazzo si innamora di una ragazza molto più giovane .."per i tuoi pochi anni e per i miei che sono cento non c'è niente da capire, basta sedersi ed ascoltare" Ma la ragazza in realtà è la metafora della sua giovinezza e della sua anima che fugge "Così come una farfalla ti sei alzata per scappare ma ricorda che a quel muro ti avrei potuta inchiodare se non fossi uscito fuori per provare anch'io a volare" ma poi Lucio si accorge che è impossibile segurila "Una notte madre che cercava di contare le sue stelle io li sotto ero uno sputo e ho detto "olè'" sono perduto" Alla fine Lucio si rassegna e si rasserena "Lontano si ferma un treno ma che bella mattina, il cielo e' sereno buonanotte, anima mia adesso spengo la luce e così sia" e finalmente riesce a dormire

    Alessandro67
    2 persone trovano utile questo significato
  • Può essere semplicemente un uomo che, ormai vecchio, parla alla sua anima confrontandosi con lei.

    Anonimo
    1 persona trova utile questo significato
  • È l inno di amore di un padre verso una figlia appena nata e il percorso di vita che sarà inevitabile per entrambi..di chi si apre alla vita e di chi in qualche modo l ha in parte già vissuta ma che è pronto a darsi all amore lasciando anche che la farfalla faccia la sua strada adeguandosi a lei.

    elisabetta
    1 persona trova utile questo significato
    Alessandro67: La sua è un'interpretazione inedita e interessante Ma una bambina appenana nata come fa a parlare, spostare la bottiglia e mangiare un gelato?
  • Racconta la triste fine di Alfredino Rampi sprofondato in un pozzo nei primi anni 80 alla periferia di Roma.

    Sandro
    1 persona trova utile questo significato
    Alessandro67: Sbagliato la canzone fa parte dell'album "Dalla" uscito nel 1980. La tragedia di Alfredino Rampi avvenne nel 1981 un anno dopo
  • poesia

    Anonimo
    0 voti
  • Parla di un uomo sulla sessantina, piuttosto solitario, un pò scorbutico, senza figli e con una famiglia che lo ha dimenticato, che vive del suo lavoro di orologiaio. Per una serie di circostanze fortunose (ed a lui non troppo gradite), un suo fedele cliente gli affidata per il breve periodo di qualche settimana, la custodia di una bambina di dieci anni, vivace e piena di vita. Tra i due si instaura un strano rapporto: prima di diffidenza, poi via via sempre più aperto; la piccola fa breccia nel cuore dell'orologiaio e quest'ultimo colpisce a sua volta la fantasia della bimba dalla folta chioma con storie e fiabe inventate al momento, che prendono spunto dal suo microcosmo fatto di minuscole ruote dentate e meccanismi miniaturizzati che fanno girare il tempo: come un pagliaccio, accompagna la bimba nei suoi racconti con gesti danzanti fino a voler cascare dentro ad un grande letto pieno di cuscini, come nei film. L'anziano apre il suo cuore alla gioia incontenibile della piccola, che ogni giorno va pennellando la sua vita di mille nuovi colori. Per un breve periodo della vita, l'uomo si illude di avere un essere da accudire, da amare, di avere la figlia che non ha mai avuto, di spezzare la catena della solitudine. La realtà però è diversa: questo strano rapporto è destinato a finire perché la bimba tornerà a casa, in un paese lontano. Arriva il giorno dell'addio, l'uomo accompagna la bimba in stazione, dove l'attende il padre. Lui se ne torna a casa, si corica e guarda le stelle di una notte madre. Ripensa ai giorni passati insieme ed alla favola del volo in stile Peter Pan, sopra i tetti della città... Pur ridendo, non riesce a fermare le lacrime, e la solitudine torna ad abbracciare la sua anima: adesso spegne nuovamente la luce, e così sia.

    Marco67
    0 voti
  • Quale è per te il significato di questa canzone?
    Come inserire immagini e formattare il testo
    Se ti registri guadagni punteggio e sarai aggiornato sullo stato della pagina