Fila la lana

di Fabrizio De Andrè
Significato della canzone Fila la lana di Fabrizio De Andrè
  • Richiesto da ingiz
  • Interventi 1 / Visualizzazioni 245

Significato più votato

Fila la lana è un testo che De Andrè traduce, non senza variazioni, dal francese.
Si tratta di un brano che a lungo si credette fosse del XV secolo, creando un vero e proprio caso di ‘falso’ storico. In realtà è stata scritta nel 1949 da Robert Marcy e cantata da Jacques Douai (fonte: https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=134 a cui rinvio anche per un confronto tra il testo originale, che cita fin dalle prime battute un tale conte di Marlborough, di fatto coinvolto durante la guerra dei Cent’Anni e molto popolare in Francia per una canzone a lui dedicata: "Malbrough s'en va-t-en guerre" ovvero "Malbrough se ne va alla guerra”).
La canzone racconta di una donna, “una dama abbandonata” a causa della morte dell’amato. Alla genealogia della tristezza di questa donna, che filerà la lana preparandola al fuso in attesa di un ritorno che non avverrà mai, fa da contrappunto la vicenda di Valois, dove il Signor Vly di cui la donna era innamorata, cadde in battaglia.
E così, mentre tutti i cavalieri torneranno ciascuno al proprio focolare, di questo sapore domestico alla dama affranta non resta che il ricordo di un ceppo, incapace a riscaldarle il cuore e a portarle conforto.
Alla maglia che sta preparando la dama, maglia fatta di dolore e attesa si impongono allora le maglie strette dell’armatura, le cotte di maglia appunto che i soldati in chiara rievocazione medievaleggiante indossavano durante la battaglia e che anch’esse richiamano all’attesa, misura in cui versano le famiglie che li stanno aspettando a casa.
Oltre alla guerra, grande significato questa canzone va rintracciato a mio avviso nel disegno che De Andrè fa dell’amore, tema che nel XV secolo (periodo a cui questa canzone, fintamente, vuole richiamare) era in forte trasformazione, come testimonia la nascita dell’amor cortese.
Non si sa (almeno non sono riuscita a capire da una prima ricerca su questo tema) se il cantautore sapesse del falso storico da cui questa canzone deriva e lo utilizzò come un divertente scherzo o espediente narrativo, oppure se anche lui ne fu vittima.
Nella prima di queste due ipotesi mi piace pensare allora che giocare su un falso che tratteggia in questo modo l’amore, possa essere un richiamo ironico e critico nei confronti del significato che trapela dall’intero testo, ovvero del binomio amore/attesa che percorre il brano dall’inizio alla fine. Ma questa resta solo una mia ipotesi.

Immagine dell'utente ingiz ingiz
2 persone trovano utile questo significato
  • Se vuoi ricevere aggiornamenti alla tua risposta puoi registrarti
  • Quale è per te il significato di questa canzone?
    Come inserire immagini e formattare il testo
    Se ti registri verrai aggiornato automaticamente sullo stato della pagina.

    Le più visualizzate di Fabrizio De Andrè


    Utenti online in questo momento: 34

    Significato Canzone, allo stesso modo di Wikipedia, è costruito attraverso il libero contributo delle persone che possono chiedere il significato delle canzoni, esprimere il proprio punto di vista sull'interpretazione del testo ed annotare i singoli versi delle canzoni.

    L'intervento può essere fatta anche in forma anonima in modo da potersi esprimere liberamente senza imbarazzi se il tema risulta delicato o se semplicemente non ci si vuole registrare. Le volgarità non necessarie saranno invece rimosse.

    Per chi invece ha intenzione di chiedere il significato di una canzone e/o ha piacere di giocare o di tenere traccia dei propri interventi sono disponibili delle pagine profilo personali e anche delle classifiche che mostrano gli utenti più attivi.

    Ogni consiglio o idea per migliorare è bene accetto.

    Verranno rimosse volgarità non necessarie e se segnalati verranno corretti gli errori o elementi offensivi.

    Per comunicare per il momento è possibile utilizzare Facebook o la pagina di aiuto e delle domande frequenti.

    Vai alla pagina di Fabrizio De Andrè Fabrizio De Andrè